QR code per la pagina originale

Google Maps, nuova funzione per le barche?

Google deposita il marchio NAVIMAL che potrebbe riferirsi ad una nuova funzione per la navigazione sui corsi d'acqua per Google Maps.

,

Non solo strade, autostrade, provinciali e piste ciclabili: ora su Google Maps arrivano anche le tratte navali. O almeno così sembrerebbe stando ad alcune indiscrezioni apparse in queste ore sul web.

A dare forma a quella che al momento è poco più di una suggestione, una richiesta di registrazione del marchio NAVIMAL, depositato presso l‘Ufficio per la proprietà intellettuale dell’Unione Europea (EUIPO).

Al momento non si trovano i dettagli della documentazione presentata presso l’UEIPO, che è però sicuro – fanno sapere da Androidheadlines – si tratta di un software che offre informazioni di navigazione e mappatura. A rafforzare l’ipotesi il fatto che ci siano diverse parole chiave significative come nautico e rilevamento.

NAVIMAL potrebbe quindi essere una vera e propria applicazione per la navigazione su corsi d’acqua, quindi perfetta per chi si sposta in barca.

Google Maps, che non si fa mancare davvero nulla e in questi mesi sta aggiungendo tantissimi nuovi servizi e funzioni – ad esempio la possibilità di comunicare con negozi e ristoranti – potrebbe effettivamente introdurre anche una feature dedicata allo spostamento in acqua.

Barcaioli provetti aspettate però ad esultare: il rumor in questione va assolutamente preso con le pinze, poiché, come già accaduto in altre occasioni, potrebbe trattarsi di un semplice marchio registrato destinato a restare nel dimenticatoio e non concretizzarsi in un vero e proprio servizio.

La prossima aggiunta degna di nota che dovrebbe sbarcare (in un prossimo futuro) su Google Maps è l’introduzione della segnalazione dei limiti di velocità e la presenza degli autovelox, già disponibili su Waze, l’altra app di navigazione targata bigG. Ancora non è chiaro quando questa nuova funzione sarà disponibile in tutto il mondo e in Italia; al momento pare che sia apparsa in maniera casuale un po’ dappertutto, dalla Danimarca agli USA passando per l’Indonesia.