QR code per la pagina originale

Windows 10, agli Insider la versione del 2020

Microsoft ha distribuito agli Insider la prima build della versione di Windows 10 che arriverà nel 2020; alcune novità richiederanno test più lunghi.

,

Microsoft ha iniziato a testare la versione di Windows 10 che arriverà nella primavera del 2020. Non si tratta di un errore. La casa di Redmond, infatti, ha rilasciato agli Insider che hanno aderito al ramo di sviluppo Skip Ahead la build 18836 di Windows 10 20H1, la futura declinazione del sistema operativo che arriverà solamente il prossimo anno.

Trattasi di una scelta che ha spiazzato un po’ tutti, soprattutto gli Insider del canale Skip Ahead che si aspettavano la distribuzione della prima build di Windows 10 19H2, il prossimo grande step funzionale di Windows 10 che arriverà in autunno. Microsoft ha giustificato questa scelta affermando che alcune funzioni che saranno inserite all’interno di Windows 10 20H1 richiederanno una fase di sperimentazione più lunga del consueto. La casa di Redmond non ha voluto aggiungere niente altro su questo particolare ma la sua frase nasconde sicuramente qualche sorpresa molto importante. Partire oltre un anno prima a sviluppare un sistema operativo con l’aiuto degli Insider significa che Microsoft intende introdurre all’interno di Windows 10 20H1 novità estremamente importanti.

Forse a maggio, durante l’appuntamento di Build 2019, Microsoft condividerà alcuni dettagli sul futuro di Windows 10. Per quanto riguarda Windows 10 19H2, il gigante del software ha detto che le prime build di sviluppo saranno distribuite agli Insider del Fast Ring solamente verso la fine del processo di sviluppo di Windows 10 19H1.

Invece, Windows 10 19H1 o Windows 10 April 2019 Update, sarà presto spostato nel Release Preview Ring per gli ultimi affinamenti prima del rilascio finale che dovrebbe avvenire durante il mese di aprile.

Per quanto concerne il change log della build 18836 di Windows 10 20H1, Microsoft non ha messo in evidenza alcuna novità. Vengono solo segnalati una serie di correttivi e di problemi.

Le vere novità, ovviamente, arriveranno solamente nel corso dei prossimi mesi. Trattandosi di una primissima build potrebbe risultare particolarmente instabile. Proprio per questo il suggerimento è quello di sperimentarla solamente all’interno di macchine dedicate ai test.

Fonte: Microsoft • Immagine: Neowin