QR code per la pagina originale

Google Pay supporta altre tre banche italiane

Google Pay ha recentemente aggiunto il supporto ad altre 3 banche italiane, allargando a 12 il numero totale degli istituti di credito aderenti.

,

Negli Stati Uniti d’America Google Pay è ampiamente supportato da numerosi istituti di credito, cosa invece non ancora accaduta in altri mercati (come il nostro) dove diverse banche ancora non hanno aderito a questa particolare formula di pagamento chiamata mobile payment. Ma recentemente il servizio del colosso di Mountain View ha aggiunto il supporto a 3 nuove banche italiane.

Nello specifico hanno aperto alla piattaforma di pagamenti Google Pay BPER Banca, Banco di Sardegna e Cassa di Risparmio di Bra e Cassa di Risparmio di Saluzzo. Aggiuntata che arriva solo un mese dopo l’inclusione di Postepay. Novità che portava però in seno un limite: la Postepay standard non è supportata dal servizio di Google, che invece beneficia di una compatibilità solo con un numero ristretto di carte: Postepay Connect, Postepay Evolution e Postepay Evolution Business.

Quindi, a partire da oggi tutti, tutti i correntisti degli istituti di credito di cui sopra, che dispongono ovviamente di una carta di credito compatibile, potranno utilizzare Google Pay per pagare direttamente con il proprio smartphone nei negozi abilitati. Lo smartphone (Android) utilizzato deve essere però dotato di modulo NFC per poter dare il via alla transazione.

Le carte che permettono di pagare con lo smartphone sono: Classic (Visa e Mastercard), Classic Cover Card (Mastercard), Gold (Visa e Mastercard), MY PLAN (Visa e Mastercard), Black World Elite (Mastercard), Business e Corporate (Visa e Mastercard).

Con queste tre new entry, le banche italiane supportate dal servizio ora sono 12. Ecco i nove istituti di credito che già supportavano Google Pay: Nexi and Partners Banks, Banca Mediolanum, N26, Wirecard, Revolut, HYPE, Banca Iccrea, UniCredit SPA, UBI Banca, PostePay Spa.

12 banche in pochi mesi è tuttavia un risultato piuttosto incoraggiante: ricordiamo infatti che Google Pay ha esordito ufficialmente in Italia solo lo scorso settembre.

Fonte: android police • Immagine: Google
Questa pagina riproduce un articolo originale di Webnews.it e può essere utilizzata unicamente per finalità personali e non commerciali. L'originale si trova all'indirizzo https://www.webnews.it/?p=823730 che può essere raggiunto utilizzando il QR Code pubblicato accanto al titolo (se presente).