QR code per la pagina originale

Google Maps permette di creare eventi pubblici

Siamo ancora in una fase di sperimentazione ma qualcuno è già riuscito a piazzare tra strade e segnali il suo evento.

,

Presto chiunque potrebbe pubblicare su Google Maps un segnalibro con il suo evento pubblico. Lo ha scoperto per primo il sito Android Police, che parla di una funzione ancora in beta ma non così lontana da una realizzazione definitiva.

Per creare l’evento basterà andare nel menu già presente “I tuoi contributi” e da qui nella scheda Eventi e “Crea evento” con la manifestazione che si vuole. Si potrà poi completare la descrizione con informazioni opzionali, categorie e collegamenti. Al momento, i primi utenti che stanno sperimentando l’opzione hanno riscontrato un ritardo tra l’invio di un evento e la visualizzazione sulla mappa. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che Google continua a testare il sistema e a cercare, risolvendo i bug. Oppure potrebbe anche essere un modo per consentire alle persone di modificare l’evento prima che venga effettivamente pubblicato, lo vedremo.

Ovviamente, qui dobbiamo tenere presente che si tratta di eventi pubblici e niente di più. Tutti saranno in grado di vederli senza alcuna protezione della privacy, dunque meglio evitare di inserire feste di compleanno o cose del genere, per evitare poi di avere la casa circondata da migliaia di persone. Google ha pubblicato una pagina di supporto sulla questione degli eventi, ricordando che la novità potrebbe non essere disponibile in tutti i paesi. Quali? Impossibile dirlo ma è evidente che un primo vagito si avrà negli Stati Uniti, poi forse in Canada e in altre regioni anglofone.

Arriverà anche da noi? Essendo stata ufficializzata proprio tra le domande e risposte del sito di supporto è probabile di si. Difficile dire con che tempi e caratteristiche ma trattandosi di una feature che interessa i turisti, navigatori, pendolari, ci aspettiamo di vederla molto presto tra i menu dell’app Android e iOS del nostro paese.

Fonte: Androidpolice • Immagine: Pexels