QR code per la pagina originale

Apple News+: 200.000 abbonati in 48 ore

Apple ha raggiunto 200000 membri per Apple News+, a 48 ore dalla presentazione ufficiale: la piattaforma attira curiosità negli Stati Uniti.

,

Primo traguardo importante per Apple News+, il servizio in abbonamento di Apple per accedere ai principali magazine e quotidiani in una sola soluzione. Al momento disponibile solo negli Stati Uniti, la piattaforma ha già conquistato 200.000 membri nelle prime 48 ore dal lancio, avvenuto lo scorso 25 marzo.

La cifra non è stata al momento ufficializzata da Apple, ma giunge da alcune fonti anonime raccolte dal New York Times. Secondo quanto riferito, sarebbero già 200.000 le persone che hanno deciso di sottoscrivere Apple News+, anche se i dati definitivi non arriveranno prima di un mese. All’apertura di un account, infatti, l’utente ha diritto a 30 giorni di consultazione gratuita: non è dato quindi sapere quanti di questi sottoscrittori rimaranno abbonati terminata la trial.

In caso Apple riuscisse a fidelizzare gli utenti, si ritroverebbe con delle grandi entrate, considerando come l’abbonamento richieda il pagamento di 9.99 dollari mensili. Ovviamente, una porzione verrà trattenuta dagli editori, secondo il tipico modello di revenue sharing del gruppo di Cupertino. Tale suddivisione dovrebbe attestarsi sul 50%, quindi la metà degli introiti andrà agli editori.

I publisher non sembrano particolarmente preoccupati da questo modello di vendita, così come sottolinea Pamela Wasserstein, CEO di New York Media, convinta che il servizio di Apple possa permettere a magazine come The Cut e Vulture di raggiungere nuove audience.

Al momento, sono circa 200 i magazine e i quotidiani presenti su Apple News+, per un catalogo destinato ad allargarsi nelle prossime settimane. Il servizio, dopo l’iniziale partenza statunitense, dovrebbe essere esteso in altri luoghi del mondo entro l’autunno. Per quanto riguarda l’Italia, al momento non vi sono precise previsioni per lo sbarco sullo Stivale: non resta che attendere, di conseguenza, una comunicazione ufficiale proveniente dalle parti di Cupertino.