QR code per la pagina originale

Nuovo Microsoft Edge, prime impressioni

Microsoft ha rilasciato ai tester le prime versioni di sviluppo del nuovo browser Edge basato su Chromium; ecco alcune prime impressioni.

,

Microsoft ha rilasciato le prime build di sviluppo del nuovo browser Edge nella serata di ieri. I tester possono dunque iniziare a scaricare ed a sperimentare le prime novità incluse all’interno del nuovo browser basato su Chromium che la casa di Redmond sta sviluppando e che in un prossimo futuro sostituirà l’attuale Edge.

Nuovo Edge, prime impressioni

L’installer è molto leggero, appena una manciata di MB. Questo perché i file del browser vengono scaricati durante la successiva fase di installazione che avviene, comunque, molto rapidamente. Il nuovo browser, esteticamente parlando, assomiglia molto a Chrome con alcuni richiami stilistici dell’attuale Edge. Un dettaglio che non deve stupire visto che il browser è basato su Chromium che è la base dello stesso Chrome.

Microsoft avrà sicuramente tempo per modificarne ulteriormente il design. Quello che colpisce immediatamente è la leggerezza del browser e la stabilità di funzionamento. Si fa fatica a pensare, infatti, che si tratti di un prodotto ancora acerbo ed in piena fase di sviluppo. Merito sicuramente del lavoro già svolto da Microsoft e dalla base di Chromium già di suo molto affidabile. Inoltre, il gigante del software ha già fatto sapere di avere rimosso circa una cinquantina di servizi di Google. Una scelta di sviluppo che probabilmente ha aiutato a rendere il browser leggero e reattivo sin da subito.

La pagina dedicata alle estensioni è, invece, molto scarna. Manca un motore di ricerca e soprattutto gli add-on presenti sono ancora molto pochi. Tuttavia, teoricamente il nuovo Edge dovrebbe essere compatibile con le estensioni di Chrome e quindi alla fine, espanderne le funzionalità non dovrebbe risultare un problema.

Piccola particolarità, Google non è il motore di ricerca del nuovo Edge e non compare nemmeno tra quelli selezionabili. Di default, il browser utilizza Bing ma è possibile scegliere anche Facebook. In ogni caso, manualmente, Google si può aggiungere anche se la procedura richiede un minimo di attenzione. La localizzazione è solamente in lingua inglese nonostante si possa selezionare l’italiano.

L’esordio del nuovo Edge sembra dunque essere molto positivo. Le basi per fare bene ci sono davvero tutte. Microsoft punta molto su questo prodotto per tornare ad offrire agli utenti un browser affidabile e compatibile con gli standard del Web. Lo sviluppo sarà sicuramente lungo ma già oggi, il nuovo Edge sembra essere utilizzabile senza grossi problemi.