QR code per la pagina originale

Google Maps ti dice quanti posti ci sono sul treno

Google sta lavorando ad un sistema per Maps che consentirà agli utenti di conoscere il livello di affollamento delle carrozze di treni e metropolitane.

,

Se fino ad oggi Google Maps permette di conoscere informazioni relative al traffico su strada o all’affollamento o nei luoghi di interesse, sembra che il colosso di Mountain View stia lavorando ad un sistema che consentirà di conoscere il livello di affollamento delle carrozze di treni e metropolitane.

Grazie ad un sistema di notifiche per Google Maps in fase di test, i passeggeri di treni e metro potrebbero ricevere informazioni piuttosto precise circa il numero di posti a disposizione sulle carrozze, e in tempo reale. Infatti uno degli aspetti più antipatici del viaggiare su rotaia è proprio il rischio di affrontare un’intera tratta in piedi.

Una situazione decisamente “antipatica”, ma che grazie a Google potrebbe presto essere evitata dai pendolari. Secondo quanto riporta Android Police, infatti, bigG avrebbe inviato, tramite Maps, una richiesta alla community chiedendo agli utenti di inviare, tramite una finestra ad hoc, il grado di affollamento sulle carrozze di una determinata corsa di treno o metropolitana.

La notifica – dal funzionamento piuttosto semplice e immediato – chiede agli utenti di indicare il livello di presenze sul mezzo di trasporto pubblico, che sono i seguenti: molti posti disponibili; pochi posti disponibili; solo posti in piedi; solo posti in piedi con spazi angusti; insicuro.

È la prima volta che la notifica arriva per gli utenti Android (al momento solo in Svezia), mentre secondo diverse segnalazioni è già da diversi mesi che gli utenti iOS che viaggiano in metro o in treno si vedono apparire sui loro iPhone la notifica, nello specifico nelle metropolitane della Bay Area di San Francisco, New York, Washington, Tokyo e Parigi.

La nuova feature – che ancora non è chiaro se e quando verrà introdotta – rientra nel solco delle novità per il trasporto pubblico annunciate lo scorso ottobre da Google.