QR code per la pagina originale

Waze, Traffic Partner del Giro d’Italia 2019

Grazie ad un accordo con RCS Sport, Waze diventa Traffic Partner del Giro d’Italia 2019 per migliorare la viabilità lungo il percorso di gara.

,

Waze è stato nominato Traffic Partner del Giro d’Italia 2019 grazie ad un accordo con RCS Sport. L’obiettivo dell’app per la navigazione di Google è quello di migliorare la viabilità nelle aree di passaggio della competizione. L’app, infatti, indicherà agli appassionati come avvicinarsi il più possibile alla gara durante le 21 tappe. Waze, inoltre, devierà gli automobilisti che transiteranno nelle aree toccate dalla gara verso le vie non interdette dal percorso del Giro d’Italia, consentendo così una viabilità scorrevole intorno alle città interessate dalla manifestazione ciclistica.

Una delle massime competizioni ciclistiche italiane richiama sempre grandi folle di tifosi. Basti pensare che nel 2018 gli appassionati che hanno seguito sulle strade le 21 tappe sono stati più di 10 milioni. Una grande community che, grazie a questa partnership, si incontra con quella di Waze formata da oltre 115 milioni di automobilisti in tutto il mondo, i Wazer, che collaborano ogni giorno per fornire informazioni e dati sul traffico in tempo reale e i Map Editor che aggiornano tempestivamente le mappe di Waze e svolgono un ruolo fondamentale per l’accuratezza dei dati relativi alle reti stradali.

Tutte le persone che desiderano assistere alle tappe del Giro d’Italia 2019 potranno scaricare gratuitamente l’app e configurare facilmente su Waze la navigazione per evitare di restare bloccati nel traffico a causa delle modifiche alla viabilità dei comuni. A tal proposito, a seguito dell’intervento della Community di Map Editor volontari, sul sito e sull’app di Waze verranno inserite le strade chiuse al traffico e, in aggiunta, anche gli orari di apertura e chiusura delle vie che interesseranno la competizione.

L’app di Waze è disponibile al download gratuito attraverso l’app Store di Apple ed il Play Store di Google.