QR code per la pagina originale

Iliad contro i costi di ricarica in ritardo

Iliad ancora contro i costi nascosti degli operatori; il CEO Benedetto Levi punta il dito contro i costi per morosità introdotti da TIM, Vodafone e Wind.

,

Continua la battaglia di Iliad contro i costi nascosti delle offerte degli altri operatori. Attraverso il suo profilo su Twitter, Benedetto Levi, CEO di Iliad Italia, ha condiviso un tweet in cui punta il dito sui costi per morosità introdotti dagli operatori “storici” TIM, Vodafone e Wind.

Trattasi di un costo che viene applicato quando i clienti ricaricano in ritardo la loro SIM dopo il rinnovo della loro offerta. Benedetto Levi punta quindi il dito su questa nuova pratica che sarebbe una “sorpresa estiva” ma come evidenza MondoMobileWeb, in realtà, i “costi per morosità” sono stati introdotti per primi da Vodafone già dall’aprile scorso e poi da TIM sempre da aprile e infine da Wind a giugno. Non proprio una sorpresa, quindi, ma sicuramente una novità di cui ancora tutti non conoscono l’esistenza, sebbene gli operatori avessero avvisato i loro clienti attraverso l’invio di una campagna informativa via SMS trattandosi, nei fatti, di una variazione contrattuale.

Benedetto Levi, comunque, in maniera sarcastica, evidenzia nel suo tweet come gli operatori dimostrino “grande fantasia” nell’introduzione di questi nuovi costi aggiuntivi che definisce come “nascosti”.

Ecco come funziona lo schema dei costi per morosità. Per quanto riguarda Vodafone, in caso di credito negativo, l’operatore concede ai loro clienti di poter continuare a fruire di chiamate illimitate e di Internet illimitato a 0,99 euro per 24 ore, che diventano 1,98 euro se il cliente non ricarica nelle successive 24 ore. Dopo le 48 ore, la SIM può essere utilizzata solo per ricevere le chiamate o solo per effettuare chiamate di emergenza.

Per quanto concerne TIM, in caso di credito negativo, i clienti possono continuare a chiamare, mandare SMS e navigare senza limiti a 0,90 euro al giorno ma solo in caso di effettivo utilizzo. Questa opzione è valida solamente per 48 ore, quindi i clienti non andranno a spendere più di 1,80 euro.

Infine, Wind, in caso di credito negativo, permette ai suoi clienti di poter utilizzare in anticipo il traffico della loro offerta per un massimo di 2 giorni a 0,99 euro.