QR code per la pagina originale

SpaceX, Elon Musk mostra costruzione di Starship

La costruzione del prototipo di Starship sembra un incrocio tra la Dragon e Falcon, così Elon Musk vuole portarci sulla Luna e forse Marte.

,

SpaceX ha lavorato molto per tutto lo scorso fine settimana nella sua struttura di test a Boca Chica, in Texas, dove sta ultimando l’ultimo prototipo della nave stellare che Elon Musk spera un giorno di inviare su Marte. L’eccentrico miliardario ha condiviso nuove foto e video di SpaceX dello stato dei lavori: si vedono le “pinne” installate sul fondo del razzo, indicato come Starship Mk1, che potrebbe essere in grado di portarlo in orbita.

Si tratta di un miglioramento significativo rispetto al prototipo di Starhopper di prima generazione, che è stato ritirato nelle ultime settimane dopo aver fatto solo due brevi “salti” che hanno superato i 149 metri. Il lavoro di SpaceX nelle ultime ore pare stia subendo una grossa accelerazione: per sabato è prevista una presentazione dove Musk fornirà un aggiornamento sul design di Starship e sulle sue prossime missioni. Nelle precedenti presentazioni Musk ha affermato di voler usare questa gigantesca astronave per aiutare a costruire una città su Marte, inviare turisti intorno alla Luna e persino per voli transcontinentali super veloci.

Le foto delle costruzioni mostrano le pinne appena attaccate nella parte inferiore. I tre motori Raptor sono già stati installati e la metà superiore del prototipo verrà probabilmente aggiunta mercoledì. Rispondendo ai curiosi su Twitter, ha descritto anche il razzo come “una strana combinazione tra Dragon, F9 e un paracadutista“, facendo riferimento alla navicella spaziale Dragon di SpaceX e al suo razzo Falcon 9.

Quando sarà finalmente assemblato, Mk.1 sarà protagonista di test di volo suborbitali, per poi tornare sulla Terra: questo avverrà a Boca Chica con il prototipo in scala reale probabilmente il 13 ottobre 2019, che raggiungerà un’altitudine di 20 chilometri.

Lo sviluppo di Starship è stato particolarmente rapido perché ogni test è solo un piccolo passo necessario nella lunga strada per Marte, che Musk ha detto che vorrebbe raggiungere nel 2022.