QR code per la pagina originale

NASA, successo per la passeggiata spaziale in rosa

Si è conclusa con successo la prima passeggiata spaziale della NASA tutta al femminile, con protagoniste Christina Koch e Jessica Meir.

,

La NASA ha segnato la storia lo scorso venerdì con la prima passeggiata spaziale tutta al femminile, condotta dalle astronaute americane Christina Koch e Jessica Meir. Si trattava della quarta passeggiata spaziale per la Koch e la prima per la Meir.

La missione, della durata di sette ore, ha portato alla sostituzione dell’elemento di una batteria andato in avaria sulla Stazione Spaziale Internazionale, che ha restituito “capacità di alimentazione per le operazioni della stazione e la ricerca in corso” e per futuri viaggi con equipaggio sulla Luna (e su Marte). Lo stesso Donald Trump si è collegato con la Stazione Spaziale dalla Casa Bianca per congratularsi con le astronaute:

Siete delle donne molto coraggiose, molto intelligenti, siamo fieri di voi, state facendo la storia.

La Meir, che ha anche pubblicato un selfie (riportato qui sotto) durante i preparativi per la missione, ha dichiarato:

Per noi, significa semplicemente uscire fuori e svolgere il nostro lavoro. Eravamo l’equipaggio incaricato di questa missione. Allo stesso tempo, tuttavia, riconosciamo che si tratta di un risultato storico e ovviamente vogliamo dare credito a tutte coloro che ci hanno preceduto: c’è stata una lunga fila di esploratrici, scienziate, ingegnere e astronaute e noi abbiamo seguito le loro orme per arrivare dove siamo quest’oggi.

Le donne, assistite dal comandante dell’equipaggio Luca Parmitano, hanno svolto l’attività extraveicolare senza intoppi, programmato inizialmente per marzo scorso e posticipata per un problema con le tute spaziali. Per Kathy Sullivan, la prima donna americana a camminare nello spazio l’11 ottobre 1984, poco dopo la russa Savitskaya, la prima passeggiata spaziale in rosa “è un segno del numero in costante crescita di donne fra gli astronauti”.