QR code per la pagina originale

Huawei Mate X in vendita dal 15 novembre

Lo Huawei Mate X sarà in vendita sul mercato cinese dal 15 novembre, a distanza di quasi nove mesi dal debutto avvenuto al Mobile World Congress 2019.

,

Finalmente c’è una data di vendita per lo smartphone pieghevole di Huawei. Il Mate X, annunciato al Mobile World Congress 2019 di Barcellona, sarà disponibile dal 15 novembre sul mercato cinese. Il CEO Richard Yu aveva sperato in un debutto entro fine ottobre, ma gli utenti dovranno attendere un altro mese. Non ci sono informazioni sull’eventuale arrivo in altri paesi.

Il Mate X possiede un design “speculare”a quello del Samsung Galaxy Fold. Lo schermo OLED ha una diagonale di 8 pollici. Quando lo smartphone viene piegato si ottengono due schermi esterni da 6,38 e 6,6 pollici. Probabilmente la piega in corrispondenza della cerniera è meno visibile, ma il display flessibile in polimero è sempre esposto, quindi potrebbe subire una usura maggiore rispetto al Galaxy Fold.

Galleria di immagini: Huawei Mate X, le immagini

La dotazione hardware comprende inoltre il processore Kirin 980, 8 GB di RAM e 512 GB di storage, espandibili con NM card. Lungo un bordo c’è una sporgenza che include le tre fotocamere da 40, 16 e 8 megapixel (standard, grandangolare e tele), alle quali si aggiunge un sensore ToF. La connettività è garantita dai moduli WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0, GPS, Galileo, LTE e 5G.

Sul lato destro c’è il lettore di impronte digitali. Sono inoltre presenti la porta USB Type-C e la batteria da 4.500 mAh. Il sistema operativo è Android 9 Pie con interfaccia EMUI 9.1. Huawei ha già previsto il lancio di una seconda versione con processore Kirin 990 5G. Il prezzo del Mate X è 2.299 euro.

Il produttore non ha ancora fissato una data per il lancio internazionale. Probabile quindi che in Italia arrivi direttamente il nuovo modello. Durante l’evento relativo al lancio ufficiale del Mate X, Huawei ha comunicato che finora sono stati consegnati oltre 200 milioni di smartphone. Il traguardo è stato raggiunto 64 giorni prima rispetto al 2018.