QR code per la pagina originale

Wind Tre, nuovi dettagli sulla sua rete 5G

La rete 5G di Wind Tre inizialmente sarà del tipo Non-Standalone; successivamente, la rete evolverà e supporterà l'architettura Standalone.

,

Wind Tre continua a lavorare all’unificazione delle reti di Wind e 3 Italia. Il risultato di questo lavoro è la Super Rete 4.5G che ha già raggiunto un buon grado di diffusione sul territorio nazionale. Rete che permette agli utenti di poter disporre di connettività sino a 1 Gbps. Una rete costruita con le più moderne tecnologie e già “5G Ready“. I lavori di integrazione dovrebbero essere completati entro il primo trimestre del 2020. A lavorarci, ZTE ed Ericsson.

Come accennato all’inizio, un aspetto interessante della nuova Super Rete 4.5G è la predisposizione per il 5G che permetterà di abilitare i servizi di quinta generazione con maggiore facilità. Al riguardo, Wind Tre ha condiviso alcuni dettagli sull’evoluzione della sua futura rete 5G. L’operatore ha fatto sapere che inizialmente la sua rete di quinta generazione sarà del tipo NSA (Non-Standalone), una scelta fatta anche da Vodafone e TIM che hanno già lanciato i loro primi servizi 5G in alcune città italiane.

Una scelta che permette di gestire più facilmente la transazione dal 4G al 5G visto che le reti NSA sfruttano la tecnologia LTE. Ovviamente, in un secondo momento l’operatore passerà alll’architettura SA, cioè allo standard Standalone.

Informazioni sicuramente interessanti che permettono di capire qualcosa di più sui progetti di realizzazione della rete 5G di Wind Tre che, si ricorda, ha stretto un importante accordo con Fastweb proprio per lo sviluppo congiunto della nuova rete di quinta generazione.

Ancora nessuna informazione, invece, sui tempi del debutto commerciale anche se appare chiaro che non manca molto.