QR code per la pagina originale

Assistente Google impara a leggerci il giornale

Assistente Google abbraccia una nuova funzionalità che consente all'utente di "farsi leggere" le notizie in base a interesse, posizione e rilevanza.

,

Assistente Google può adesso contare su una nuova funzionalità che gli consente letteralmente di leggere il giornale all’utente. A partire da oggi negli Stati Uniti (ma nel 2020 anche in altri Paesi) sarà possibile dire all’assistente digitale di leggere le notizie e, a quel punto, un algoritmo sceglierà il mix più adatto basandosi su interessi, posizione e preferenze dell’utente, oltre che sull’importanza della news.

La funzione si chiama Your News Update e, come anticipato, non arriverà prima del prossimo anno in Italia, ma potrà essere sfruttata sia attraverso lo smart speaker che da smartphone. È praticamente tutto ciò di cui potrebbero aver bisogno i pendolari, costretti ad ascoltare la radio o un podcast di notizie quotidiane durante il tragitto giornaliero, nel caso in cui volessero essere informati su quanto accade. Assistente Google semplifica le cose, si fa un giro tra gli editori più importanti e sceglie accuratamente le storie del giorno che potrebbero interessare all’utente.

Per esempio, nel caso in cui l’utente fosse un tifoso della Juventus, l’assistente potrebbe prima proporgli la notizia più importante del giorno e poi passare a un resoconto dell’ultima partita disputata dalla squadra, nel primo caso selezionando la storia per rilevanza, nel secondo per interesse. L’azienda spiega che la feature funziona analizzando ciò che viene detto in un file audio per collegare le storie alle persone. Tra una news e l’altra, Assistante Google interverrà per far sapere all’utente quale storia sta per ascoltare, così come l’editore che l’ha pubblicata.

Intanto il colosso della ricerca ha lanciato Stadia, sua piattaforma gaming basata su cloud che permette agli utenti di giocare a titoli fatti girare da remoto, sui server della società. In sostanza, i giocatori non necessitano di un hardware potente per usufruire del servizio, ma solo di una buona connessione.