QR code per la pagina originale

Apple lancia gli Slofie, i selfie rallentati

Apple lancia gli Slofie, i selfie in slow motion realizzati con la fotocamera frontale dei nuovi iPhone 11: la campagna è già divenuta virale.

,

Dopo anni di selfie, è tempo di una nuova mania: quella degli Slofie. È questa l’ultima trovata di Apple, pensata per evidenziare una nuova funzionalità inclusa negli iPhone 11, ovvero la possibilità di registrare video in slow motion anche con la fotocamera frontale del dispositivo. Il tutto con una clip promozionale, già diventata virale sui social network poiché decisamente ironica.

La campagna pubblicitaria in questione mostra diversi protagonisti alle prese con dei filmati di grande impatto visivo, clip che lasciano però intravedere un backstage decisamente più divertente. Dall’uomo di mezza età che scuote velocemente il capo, ripreso di nascosto da una finestra, al padre di famiglia che si diverte con l’acqua in giardino, passando per un gruppo di giovani ragazze rinchiuse in un frigorifero di un supermercato e una madre che sfrutta simpaticamente il figlio, per usare un phon come improvvisato ventilatore.

L’intento di Apple è ovviamente quello di mostrare la qualità di questi slofie, dall’elevato impatto visivo, ma anche la componente più divertente della loro realizzazione.

Come è noto, i nuovi iPhone 11 permettono di registrare video fino alla risoluzione 4K in modalità 60 fps o, ancora, filmati in slow motion a 120 fps. Una feature, almeno per l’universo Apple, fino a quest’anno riservata alle fotocamere posteriori del device e oggi finalmente promossa anche alle ottiche frontali.

Sebbene la possibilità di registrare video in slow motion con la fotocamera frontale sia disponibile da tempo su diversi terminali Android, la trovata pubblicitaria del gruppo di Cupertino sta già portando ai risultati sperati. Sono in molti, infatti, gli utenti che hanno deciso di prenderne spunto per realizzare degli slofie personalizzati, da caricare sulle principali piattaforme social, in particolare Instagram e Twitter. Non resta che scoprire quanto a lungo resisterà questa nuova mania online.