QR code per la pagina originale

Warner Bros., un’IA suggerirà quali film produrre

Warner Bros. adotterà un software di IA per stabilire se una pellicola debba essere prodotta o meno.

,

Warner Bros. Pictures darà all’intelligenza artificiale un ruolo piuttosto importante nel processo di realizzazione dei suoi film. La nota casa di produzione ha infatti svelato i piani per utilizzare il software di Cinelytic nella fase di selezione delle pellicole: per essere precisi, l’IA sarà fondamentale durante la “cernita”, vale a dire quel momento in cui viene deciso se un progetto avrà “semaforo verde” per lo sviluppo.

Chiaramente l’intelligenza artificiale non avrà l’ultima parola, spetterà sempre allo studio decidere se dare o meno un’opportunità a un determinato film. Tuttavia, lo strumento lo aiuterà a prevedere le entrate di una pellicola, misurare i costi e determinare quando un titolo dovrebbe essere presentato in anteprima. Poi saranno i dirigenti a decidere, ma l’IA darà loro una mano a capire – per esempio – se una pellicola meriti di essere trattata come un film di successo di fine anno, piuttosto che come materiale estivo di riempimento.

In sostanza, il sistema di Cinelytic svolgerà “compiti ripetitivi e di basso valore”, facendo guadagnare tempo prezioso ai dirigenti (che in questo modo possono impegnarsi su altri fronti). Difficile prevedere quanti studi di produzione si affideranno al software: la vecchia scuola di Hollywood e l’orgoglio dei produttori potrebbero infatti impedire di fidarsi degli algoritmi per approvare film più o meno meritevoli. Come molte forme altre di automazione, tuttavia, l’intelligenza artificiale potrebbe ridurre gran parte della fatica dietro una produzione e consentire agli addetti di concentrarsi sugli aspetti creativi.

Sarà interessante scoprire se altri studi adotteranno il sistema, ma già il fatto che un colosso come Warner Bros. Pictures abbia deciso di affidarsi al software di intelligenza artificiale fa sperare che in futuro più case di produzione seguano le sue orme.