Hisense dedica a RaiPlay un tasto nei telecomandi

Hisense è il primo brand in assoluto a dedicare un tasto a RaiPlay sui telecomandi dei suoi televisori.

Chiunque abbia una smart TV, probabilmente ha scaricato numerose app per lo streaming di video come Netflix, Prime Video e Apple TV+. Sono tuttavia servizi che necessitano la sottoscrizione di un abbonamento mensile, mentre altri offrono il proprio catalogo a costo zero, come Mediaset Play e RaiPlay. E a proposito dell’app di Rai, Hisense ha annunciato che i suoi televisori in commercio dal 2020 consentiranno l’accesso alla piattaforma in modo immediato.

Se, infatti, per usufruire di RaiPlay è necessario lanciare il servizio dopo averlo selezionato dal menu principale, grazie a Hisense si potrà contare sul tasto dedicato sui telecomandi. Quelli di Hisense sono i primi televisori in assoluto a offrire un pulsante per il servizio Rai, che permette di accedere alle reti nazionali italiane via streaming (e contiene un discreto catalogo di contenuti on-demand).

Una soluzione già vista su molti televisori che includono tasti dedicati a Netflix e YouTube: a prescindere dall’attività in corso, basta schiacciare il tasto dedicato per lanciare l’applicazione di riferimento. Pertanto, che un utente stia guardando una serie su Prime Video o un film sul digitale terrestre, piuttosto che un documentario via satellite, gli basterà premere un tasto per accedere a tutta la programmazione di RaiPlay.

Non manca il supporto per il collegamento satellitare e per il digitale terrestre DVB-T2. La piattaforma digitale offre le dirette dei 14 canali Rai, nonché un catalogo di fiction, film, programmi televisivi, cartoni animati e documentari. Gli utenti hanno la possibilità di usufruire del servizio sia sui più grandi schermi dei televisori che su dispositivi mobile.

Ti potrebbe interessare
Tariffe per l’iPhone, il punto della situazione
Apple

Tariffe per l’iPhone, il punto della situazione

La situazione sta diventando difficile, quindi urge un chiarimento per coloro che si sono “collegati” in ritardo o che magari si sono persi quale pezzo.Tutto parte da quando Steve Jobs presenta il nuovo iPhone 3G e annuncia le nuove nazioni nel quale il nuovo smartphone arriverà; tra queste c’è anche l’Italia e sul sito di