QR code per la pagina originale

Netflix in crescita grazie al coronavirus

Netflix ha tratto benefici dall'epidemia di coronavirus diffusa a livello globale, lo riflettono le azioni in crescita nonostante il crollo dell'economia.

,

Netflix e gli altri servizi streaming stanno beneficiando dal coronavirus. L’epidemia ha messo in ginocchio la Cina ed è giunta anche in altri paesi, tra cui l’Italia, intaccando diversi settori e intimorendo l’economia mondiale: tuttavia, pare che le società che offrono servizi di streaming abbiano ottenuto dei vantaggi dal temuto virus COVID-19.

Pensandoci, è piuttosto logico: per prevenire la diffusione della malattia, è stato consigliato alle persone (specie a quelle che abitano nelle zone a rischio) di restarsene in casa. Così, tra film e serie TV, Netflix e gli altri servizi si confermano un ottimo passatempo: la scorsa settimana, il colosso dello streaming ha registrato una crescita dello 0,8% delle proprie azioni. L’analista Dan Salmon ha così dichiarato:

Netflix beneficia del fatto che i consumatori restano in casa per via delle preoccupazioni sul coronavirus, e questo riflette in una notevole crescita dei prezzi delle azioni questa settimana.

Nel frattempo, Wall Street ha chiuso con uno dei peggiori risultati degli ultimi nove anni. Disney ha invece deciso di chiudere temporaneamente a Tokyo due parchi a tema della città, Disneyland e DisneySea; la Casa di Topolino potrebbe a questo punto puntare sul lancio di Disney+ negli altri paesi per evitare una perdita considerevole. La piattaforma streaming debutterà in Italia il prossimo 24 marzo, offrendo agli utenti la possibilità di abbonarsi pagando un canone mensile di 6,99 euro al mese. Effettuando la pre-registrazione, chiunque volesse potrà però sottoscrivere un abbonamento annuale di 59,99 euro (anziché di 69,99).

Netflix intanto ha iniziato a introdurre i contenuti di marzo 2020,  che offriranno agli appassionati una vagonata di novità interessanti.