FIFA 21, la furia di Ibrahimovic: “sfruttano la mia immagine!”

Secondo il fuoriclasse, EA Sports e FIFPro sfrutterebbero la sua immagine senza permesso. Altri campioni starebbero pensando perfino ad azioni legali.

Zlatan Ibrahimovic è da anni tra i protagonisti dei più importanti videogiochi a tema calcistico, compresa la serie targata Electronic Arts. Eppure, un po’ a sorpresa, il campione del Milan sembra essersene accorto solo adesso, scatenando nelle ultime ore una polemica che sembra destinata a non placarsi in tempi brevi. Lo svedese ha infatti accusato EA Sports, la casa produttrice del videogame FIFA 21, e la FIFPro, il sindacato mondiale dei calciatori, di aver utilizzato il suo nome e la sua immagine senza un suo consenso esplicito, al fine di generare profitti alle sue spalle.

“Chi ha dato a FIFA EA Sport il permesso di usare il mio nome e la mia faccia?”, si legge infatti in un tweet sull’account ufficiale di Ibra. “FIFPro? Non mi risulta di essere un membro di Fifpro e se lo sono, sono stato messo lì senza saperlo, attraverso qualche strana manovra. E di sicuro non ho mai permesso a FIFA o FIFPro di fare soldi usando me. Qualcuno, da anni, sta facendo profitto sul mio nome e sulla mia faccia senza alcun accordo. È ora di indagare”.

La risposta di Electronic Arts

Pronta ovviamente la replica di EA, che ha sottolineato come l’azienda, da anni, collabora con singole squadre, atleti e con coloro che hanno l’obiettivo di tutelare i diritti dei calciatori professionisti di tutto il mondo, ovverosia la FIFPro:

EA SPORTS FIFA è il videogioco di calcio leader nel mondo e, per creare un’esperienza autentica, anno dopo anno lavoriamo con numerosi campionati, squadre e talenti individuali per garantire i diritti di somiglianza dei giocatori che includiamo. Uno di questi è un rapporto di lunga data con il rappresentante globale dei calciatori professionisti, FIFPro, che collabora con una serie di licenziatari per negoziare accordi a vantaggio dei giocatori e dei loro sindacati”.

Ma Ibra non ci sta, e dopo aver condiviso un tweet del suo agente, Mino Raiola, che sottolineava come FIFPro e Milan non abbiano i diritti individuali sui calciatori, ha scritto: “EA Sports, io non sono un membro di FIFPro”.

L’accusa di Ibra a FIFA: cosa si nasconde dietro?

Ma perché il titolo calcistico di EA, di cui recentemente è stata annunciata la versione next gen, è stato preso di mira dall’attaccante del Milan? In fondo non solo il fuoriclasse svedese figura nel brand da più di un decennio, ma il suo attuale club è perfino Premium Partner del gioco.

Secondo alcuni il vero obiettivo del campione sarebbe il sindacato mondiale dei calciatori, che trattando per conto di tutti i suoi iscritti, finirebbe per “appiattire” i compensi generali e incassarne i soldi, riducendo o eliminando del tutto quindi le possibilità di guadagno che invece potrebbero essere assicurati ai singoli atleti da contrattazioni personali. E questo spiegherebbe anche l’intervento di altri personaggi legati al mondo del calcio, come per esempio Gareth Bale, ex stella del Real Madrid, che si è schierato con Ibra commentando ironicamente: “Cos’è la FIFPro?”.

In tal senso il suo rappresentante legale, Jonathan Barnett, in un’intervista rilasciata oggi al quotidiano The Guardian ha rivelato che “una potenziale azione legale è possibile”. Pare inoltre che un certo numero di giocatori di alto profilo abbiano incaricato i loro avvocati di verificare se hanno diritto ad alcuni dei proventi realizzati utilizzando il loro aspetto nel gioco, dato che la maggior parte dei contratti prevede accordi piuttosto lucrosi.

Ti potrebbe interessare