PlayStation 5 Pro, Sony inizia già a pensarci?

Un nuovo brevetto depositato da Sony farebbe pensare a una console con multi-GPU, una delle quali dedicata alla gestione dell’output HDMI.

Parliamo di

PlayStation 5 è stata rilasciata da poche settimane, andando sold out praticamente ovunque e lasciando a bocca asciutta tantissimi utenti che non sono riusciti ad accaparrarsi una copia della console. Eppure, secondo indiscrezioni, Sony starebbe già pensando al futuro, e oltre ad aumentare la produzione industriale per cercare di soddisfare quanto prima le richieste dei fan per la sua nuova piattaforma da gioco, avrebbe cominciato a pensare addirittura a una eventuale PlayStation 5 Pro.

Nelle scorse ore, infatti, è emerso online un brevetto depositato nel 2019 da Sony, che descrive un sistema equipaggiato con due GPU, capaci di lavorare in parallelo: una sarebbe infatti deputata al controllo dell’output HDMI, mentre l’altra andrebbe a supportare la prima, intervenendo ogni volta che il carico di lavoro aumenterebbe e si verificassero dei “cedimenti” in termini di prestazioni.

PlayStation 5 Pro o PS5 Slim?

Già lo scorso agosto erano emerse delle voci in proposito, sempre basate su un brevetto nel quale si leggeva di un “ambiente di simulazione multi-GPU”, e di altre informazioni che lasciavano intendere come l’azienda giapponese stesse più lavorando a una versione più “leggera” della console, o una PlayStation 5 Slim oppure una progettata magari per sfruttare il cloud gaming, piuttosto che una versione migliorata di PlayStation 5.

Un singolo SoC può essere presente su una versione leggera della console, mentre SoC multipli potrebbero essere montati su una versione high-end della console con capacità computazionali e di immagazzinamento dati più ampie della versione light”.

Questo è quanto si può leggere in uno dei passaggi del “vecchio” brevetto della scorsa estate. In attesa di ulteriori e più dettagliate informazioni, speriamo che Sony riesca a risolvere il problema dello scarso numero di console disponibili nei negozi ufficiali, che purtroppo ha dato anche vita, suo malgrado, a fenomeni di bagarinaggio e truffe varie sul web.

Ti potrebbe interessare