TikTok e Technology Coalition, insieme per proteggere i minori

TikTok collaborerà attivamente con l’organizzazione che si occupa di proteggere i minori dallo sfruttamento e dagli abusi sessuali online.

Parliamo di

TikTok è uno dei social network più attivi negli ultimi tempi in termini di impegni per assicurare la massima tutela e protezione ai suoi utenti, specie i più giovani. La nota piattaforma, tra le preferite dagli italiani, infatti, dopo essersi adeguata alle normative italiane volute dal Garante per la Privacy sulle limitazioni di accesso ai suoi servizi agli utenti di età inferiore ai 13 anni, ha annunciato di aver aderito alla Technology Coalition, un’organizzazione che lavora per proteggere i minori dallo sfruttamento e dagli abusi sessuali online.

TikTok per la tutela dei minori

L’adesione va di fatto a rafforzare gli impegni presi nell’ultimo anno per promuovere “un’esperienza positiva e sicura per gli adolescenti sulla piattaforma, comprese le funzionalità Collegamento Familiare, impostazioni di privacy predefinite per gli account di utenti di 13-17 anni e la rimozione della messaggistica diretta per i minori di 16 anni”, come evidenziato in una nota dalla stessa azienda.

La sicurezza della community è sempre la nostra massima priorità, soprattutto dei nostri utenti più giovani. L’adesione ha un duplice significato: rispecchiare la nostra politica di tolleranza zero contro questi fenomeni e sottolineare l’esigenza di una risposta collettiva a questa sfida globale.

E’ quanto hanno scritto Alexandra Evans e Tracy Elizabeth, rispettivamente Head of Child Safety Public Policy Europe e Minor Safety Policy Lead di TikTok. Secondo quanto riportato dall’ANSA, TikTok entrerà a far parte anche del consiglio della Coalition e di una serie di comitati che mirano a promuovere la protezione dei minori online e offline, oltre che una maggiore trasparenza sulle continue evoluzioni delle minacce alla loro sicurezza.

“Questa partnership si aggiunge a quelle già in essere con le principali organizzazioni per la sicurezza online tra le quali Family Online Safety Institute, ConnectSafely, National Center for Missing and Exploited Children, WePROTECT Global Alliance e la Internet Watch Foundation“, hanno spiegato sempre le due manager.

Ti potrebbe interessare