QR code per la pagina originale

OnePlus 6T

OnePlus 6T ha un processore Snapdragon 845, 6 o 8 GB di RAM e storage da 128 o 256 GB con sistema operativo Oxygen basato su Android P.

Di , 29 ottobre 2018

Un aggiornamento importante, niente di sconvolgente ma incrementale verso il futuro. Questo è OnePlus 6T, ultima iterazione dello smartphone disegnato dalla compagnia più geek che ci sia. Chi si aspettava tecnologie strabilianti rimarrà forse deluso ma con questa mossa OnePlus si allinea alla concorrenza più alta nel settore della telefonia mobile. In che modo? Prima di tutto con un reparto hardware che non ha nulla da invidiare al resto della giungla lì fuori e poi con chicche davvero interessanti, tra cui il lettore di impronte in-display.

Resta anche il tanto amato-odiato notch, seppur in dimensioni più piccole e contenute, tale da portare la superficie di touch ad oltre il 90% delle dimensioni totali della superficie anteriore. Del resto, grazie ai leak continui che sono stati diffusi le scorse settimane, OnePlus 6T era stato già ampiamente previsto e discusso con pochi dubbi a riguardo, tra cui i colori e il prezzo. Adesso sappiamo anche quelli.

Design ()

Come detto, non cambia poi molto rispetto a OnePlus 6. Abbiamo un profilo meno invasivo, con un notch più piccolo, ma pur presente nella parte frontale. OnePlus afferma che ora si è a un display di 6,41 pollici con forme pressoché uguali alle precedenti, grazie a cornici ridotte e a un’ottimizzazione degli ingombri. In totale, è di 19.5:9 il rapporto tra altezza e larghezza, mentre su OnePlus 6 si era al 19:9. Minime differenze anche sullo chassis posteriore, dove la configurazione della fotocamera è sempre doppia, con flash LED, ma senza la presenza di un lettore per le impronte,  che scopriremo più avanti dove è andato a finire.

Scheda tecnica ()

  • Schermo: 6,41” AMOLED, Gorilla Glass 6
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 845
  • GPU: Adreno 630
  • RAM: 6/8 GB DDR4X
  • Memoria interna:  128/256 GB
  • Fotocamera frontale: 16 megapixel, con EIS, apertura f/2.0
  • Fotocamera posteriore: dual-camera da 16 MP + 20 MP, OIE, EIS, e doppio f/1.7
  • Connettività: 4G LTE, Wi-Fi 802.11ac dual band, Bluetooth 5 LE, GPS, USB Type-C, NFC
  • Dimensioni: 157,5 x 74,8 x 8,2 mm
  • Peso: 185 grammi
  • Batteria: 3.700 mAh con fast charging
  • OS: OxygenOS basato su Android 9 Pie

Novità ()

Nonostante un leggero restyling, c’è sicuramente qualche funzionalità degna di interesse su questo OnePlus 6T. Come non citare, finalmente, il lettore di impronte in-display. Si tratta di una soluzione simile, per non dire la stessa, adottata da Vivo e Huawei, sebbene qui con una chicca ulteriore. OnePlus ha pensato bene di illuminare la zona che si dovrà cliccare per sbloccare il dispositivo con una luce fluorescente, con tonalità verde. Questo ha due scopi ben precisi, il primo solo di impatto, vista la restituzione di un effetto che fa molto “wow”; il secondo più pratico, con la particolare declinazione che aiuta il 6T a riconoscere meglio il polpastrello registrato, quando si è in condizioni di luce scarsa.

Tecnicamente definito Screen Unlock, il chip posto dentro lo schermo impiega appena 340 millisecondi per validare il dito memorizzato e sbloccare il telefono, con la promessa di migliorare con il tempo, tramite gli algoritmi di auto-apprendimento che potenziano il sensore.

Ultimo particolare di distinzione da OnePlus 6 è la scomparsa, come vociferato, del jack audio. La compagnia ha preferito allinearsi a qualche brand molto più noto, liberando lo spazio in basso e lasciando che gli utenti possano usare solo un paio di auricolari USB di Tipo-C per ascoltare musica e gestire le telefonate. Nella confezione di vendita però c’è un adattatore, che permetterà di sfruttare ancora le cuffie preferite, occupando la porta di ricarica.

Fotocamera ()

Ritornando alla fotocamera, la novità è la modalità  Nightscape. OnePlus l’ha sviluppata con l’idea di restituire un prodotto che potesse catturare meglio certi scenari urbani con poca luce. Tutto ciò è reso possibile dalla presenza di algoritmi di cattura e miglioramento automatici e dal software Studio Lighting, che riconosce i volti e regola l’illuminazione, simulando quella professionale. Da notare che le fotocamere posteriori di OnePlus 6T possono acquisire filmati 4K a 60 fotogrammi per secondo, con una Super Slow Motion da 1080p e 240fps / 720p e 480fps.

Prezzo ()

Sono tante le configurazioni con cui OnePlus lancia sul mercato il suo 6T, disponibile tra pochi giorni. Mirror Black con 6GB di RAM e 128GB di storage sarà in vendita a 559 euro; Mirror Black e Midnight Black con 8GB di RAM e 128GB di storage a 589 euro; Midnight Black con 8GB di RAM e 256GB di storage a 639 euro. In Italia lo si troverà, come al solito, online sul sito di OnePlus e Amazon ma anche, per la prima volta, nei negozi MediaWorld, sempre a partire dal 6 novembre.

Immagine: OnePlus