novità

google books

Google, storica vittoria nel nome del “fair use”
Business Google

Google, storica vittoria nel nome del “fair use”

Google mette a segno una vittoria storica al termine di una battaglia legale durata, non senza alti e bassi, per circa 8 anni. Era il settembre del 2005 quando la Authors Guild (organizzazione rappresentante gli autori USA) depositava la propria denuncia contro quello che allora era denominato Google Print (il caso si è in seguito esteso

Google Libri accoglie 12.000 volumi RCS
Google

Google Libri accoglie 12.000 volumi RCS

Il catalogo di titoli italiani del gruppo editoriale RCS Libri sarà disponibile in formato elettronico su Google Libri (o Google Books). Un accordo che comprende l’introduzione di ben 12.000 titoli, disponibili a livello mondiale e che potranno pertanto essere acquistati in modo del tutto semplice e letti sul servizio del gruppo di Mountain View.

Google e British Library, accordo per 250.000 libri
Google

Google e British Library, accordo per 250.000 libri

Davvero interessante l’accordo appena stretto fra Google e la British Library, atto a portare sui canali digitali del gruppo di Mountain View circa 250.000 testi risalenti al periodo tra il 1.700 e il 1.870. Un tentativo per diffondere la cultura di quell’epoca, grazie a una corposissima quantità di libri disponibili gratuitamente su Google Books.

Google Libri e le biblioteche italiane
Web e Social

Google Libri e le biblioteche italiane

Mentre il governo tedesco sembra voler mettere i bastoni tra le ruote alla digitalizzazione dei libri nelle sue biblioteche da parte di Google, come racconta questo post, in Italia si stanno facendo dei passi avanti per un accordo tra Google Books e la Biblioteca Nazionale di Firenze. Si tratta della possibile digitalizzazione di ben 300.000

L’AIE e l’opposizione a Google Books
Web e Social

L’AIE e l’opposizione a Google Books

Ad opporsi a Google per la sua proposta di digitalizzazione dei libri da portare su Google Books è adesso anche l’AIE, l’Associazione Italiana Editori. La protesta arriva dopo quelle già avanzate dal governo tedesco e da Amazon. L’AIE si è rivolta sia alla Corte di New York che alla Commissione Europea. L’AIE ha spiegato anche

Il Governo tedesco ferma Google Books
Web e Social

Il Governo tedesco ferma Google Books

Proprio una brusca frenata quella data dal Governo tedesco al progetto di Google Books, un “no” netto e perentorio che rischia di rallentare, come minimo, il processo di digitalizzazione di migliaia di libri su cui il colosso di Mountain View è impegnato. La controversia ha visto in questi anni Google di fronte a moltissimi editori

Google sotto accusa per questione “Google Books”
Web e Social

Google sotto accusa per questione “Google Books”

Il Governo americano mette sotto accusa Google. Si potrebbe descrivere con queste poche parole la decisione che ha portato il Ministro della Giustizia ad aprire un’indagine riguardo l’accordo, siglato nel 2008, tra Google e le associazioni degli editori, che aveva sancito la fine della “guerra” sulla questione dei diritti delle opere letterarie. La controversia era

Accordo tra Google Books e associazioni editori: accuse di monopolio
Web e Social

Accordo tra Google Books e associazioni editori: accuse di monopolio

Qualche settimana fa Google ha concluso una battaglia legale di tre anni con uno storico accordo per la pubblicazione sulla propria piattaforma Google Books di libri fuori catalogo e di autori scomparsi. Google stessa ha postato da poco i dettagli dell’operazione che ha portato all’accordo con le associazioni The Authors Guild e Association of American

Guarda e modifica importanti documenti storici
Web e Social

Guarda e modifica importanti documenti storici

Trovo affascinante trasportare il mondo dei libri e delle biblioteche online, ci vuole un gran sforzo organizzativo e di digitalizzazione oltre che di catalogazione. Definire cos’è un documento informatico infatti è un operazione delicata; lo sapevate che secondo un regolamento attuativo di una legge approvata tempo fa tutti i siti web andrebbero inviati alle biblioteche?