QR code per la pagina originale

Dodici nuovi formati per Google Docs

Google Docs si rinnova introducendo il supporto a 12 nuovi formati di file, abbracciando ulteriori estensioni Microsoft, Apple e Adobe.

,

Google Docs continua ad evolversi, proponendo costantemente novità in grado di offrire agli utenti maggiore libertà e possibilità di azione. L’ultimo aggiornamento operato dagli sviluppatori nei laboratori di Mountain View riguarda i formati dei file, aspetto fondamentale nell’economia di uno strumento quale Google Docs, che ora permette di leggere e modificare dodici nuovi formati.

Molti dei nuovi formati contemplati provengono direttamente dalle suite per l’ufficio realizzate da altri gruppi, quali ad esempio Office di Microsoft o iWork di Apple. L’elenco dei formati supportati da Google Docs si arricchisce dunque grazie alla possibilità di gestire documenti con estensione XLS e XSLX (Microsoft Excel), PPTX (Microsoft Power Point 2007) e PAGES (Apple Pages). L’obiettivo di Google diventa così ogni giorno più chiaro e palese: Google Docs punta a diventare il centro gravitazionale di ogni utente nel settore dell’ufficio, offrendo compatibilità con ogni possibile altra applicazione del settore (non sempre garantita da alcune suite) e strumenti in grado di non far rimpiangere i tradizionali software desktop.

Importanti novità anche per quanto riguarda il mondo della grafica, grazie al supporto alle estensioni AI (Adobe Illustrator), PSD (Adobe Photoshop), DXF (Autodesk AutoCad) e SVG. Chiudono l’elenco i formati PostScript (EPS e PS, utile per l’organizzazione delle pagine dei documenti) , TrueType (TTF, uno degli standard più utilizzati nella gestione dei caratteri) e XML Paper Specification (XPS, per la creazione di documenti in grado di non dipendere dal dispositivo o dalla risoluzione dello schermo).

Questi dodici nuovi formati vanno inoltre ad integrarsi con GMail, dal quale è possibile avere un’anteprima immediata dei documenti ricevuti proprio attraverso Google Docs. La gestione di tali file tramite lo strumento Google risulta avere l’importante vantaggio di garantire maggiore sicurezza grazie all’apertura degli stessi tramite i server remoti di Mountain View e non direttamente sul computer dell’utente. La sfida ai colossi dell’ufficio continua giorno dopo giorno, con il paradigma delle web-app pronto ad insidiare la tradizionale concezione del software desktop.

Questo l’elenco complessivo dei nuovi formati contemplati:

  • Microsoft Excel (.XLS and .XLSX)
  • Microsoft PowerPoint 2007 / 2010 (.PPTX)
  • Apple Pages (.PAGES)
  • Adobe Illustrator (.AI)
  • Adobe Photoshop (.PSD)
  • Autodesk AutoCad (.DXF)
  • Scalable Vector Graphics (.SVG)
  • PostScript (.EPS, .PS)
  • TrueType (.TTF)
  • XML Paper Specification (.XPS)

Fonte: Docs Blog • Via: PMI.it • Notizie su: