QR code per la pagina originale

Uploaded.to inibisce l’accesso agli utenti americani

,

Oramai è chiaro che siamo di fronte a un vero fuggi fuggi. Dopo Filesonic che ha inibito ai suoi utenti la possibilità di condividere in rete i propri file, ora è il turno di Uploaded.to che ha bloccato l’accesso alla totalità dei suoi servizi a tutti i propri utenti residenti sul territorio americano. L’intenzione, anche se manca un comunicato ufficiale, è molto chiara. Dopo la chiusura del network Megaupload e l’arresto del suo fondatore e di alcuni membri dello staff dell’azienda, molti portali di file sharing stanno avendo davvero paura e per evitare di fare la stessa fine di Megaupload corrono ai ripari.

Filesonic e Uploaded.to sono solo i primi casi di quella che si teme sia una lunga serie di “ristrutturazioni” forzate che potrebbero stravolgere il mondo del file sharing su internet.

Accanto alle giuste preoccupazioni di chi vede in queste azioni un attentato alla libertà della rete, c’è anche chi professa tranquillità. Tra questi citiamo Rapidshare, uno dei più famosi portali di file hosting del Web con sede in Svizzera, che sottolinea come il business del file hosting sia del tutto legale e che comunque dispone di un team apposito che verifica minuziosamente l’eventuale presenza di materiale protetto da copyright.

Insomma per Rapidshare una maggiore trasparenza del servizio e un controllo adeguato su cosa caricano gli utenti sono la via maestra per lavorare serenamente in questo delicato settore.

Tuttavia anche Filesonic disponeva di un team dedicato per la verifica della legalità dei file caricati, ma questo non è bastato a impedire la chiusura del servizio di condivisione…

Notizie su: