QR code per la pagina originale

Smartphone pieghevole Samsung entro fine anno

DJ Koh, CEO di Samsung Mobile, ha confermato che il primo smartphone pieghevole con schermo OLED flessibile verrà annunciato entro fine anno.

,

Durante un’intervista con CNBC, il CEO DJ Koh ha rilasciato due importanti dichiarazioni sui futuri dispositivi. Samsung annuncerà il primo smartphone pieghevole entro fine anno e adotterà una strategia che prevede l’introduzione di nuove tecnologie con i modelli di fascia media, non più con i top di gamma della serie Galaxy S e Galaxy Note.

Da anni circolano voci sullo smartphone pieghevole e ora sembra finalmente arrivato il momento di portare sul mercato un prodotto reale. Un sondaggio tra i consumatori effettuato da Samsung ha confermato che c’è spazio per questo tipo di dispositivi. Il CEO ha spiegato che lo smartphone offrirà un’esperienza d’uso diversa da quella di un tablet e potrà essere utilizzato anche quando è chiuso. In base alle informazioni ricevute dal Wall Street Journal, il produttore utilizzerà un design a portafoglio e uno schermo OLED flessibile.

Maggiori dettagli saranno svelati durante la Samsung Developer Conference in programma a novembre a San Francisco. Non è possibile conoscere al momento la data di lancio ufficiale, né quando lo smartphone pieghevole arriverà sul mercato. Il processo di sviluppo è piuttosto complesso, ma è quasi al termine. Inizialmente è prevista la distribuzione di un numero ridotto di unità, considerato anche il prezzo piuttosto elevato.

DJ Koh ha inoltre dichiarato che le novità tecnologiche non verranno più introdotte con i Galaxy S o i Galaxy Note, ma arriveranno con i modelli di fascia media. I primi saranno probabilmente i Galaxy A (2019) che verranno annunciati entro fine anno. L’obiettivo della nuova strategia è attirare gli utenti che non possono acquistare un top di gamma. Il produttore coreano deve inoltre compensare le scarse vendite di smartphone (-20% nel secondo trimestre 2018), dovute soprattutto al Galaxy S9, e respingere l’assalto degli agguerriti produttori cinesi, come Huawei, Xiaomi, Oppo, Vivo e OnePlus.