QR code per la pagina originale

MacBook Pro: in arrivo nuove GPU Vega?

macOS Mojave include riferimenti a GPU Vega non ancora disponibili sul mercato: vi sarà nei prossimi mesi un ulteriore aggiornamento della linea?

,

I nuovi MacBook Pro potrebbero presto ricevere un ulteriore aggiornamento delle GPU, dopo l’arrivo delle soluzioni Vega 16 e Vega 20 di AMD lo scorso novembre. È quando emerge dall’analisi dell’ultima versione di macOS Mojave, dove vi sarebbero dei riferimenti a delle schede GPU non ancora presenti nell’attuale lineup di Apple.

La scoperta è stata fatta da Phronix, analizzando i driver del kernel di macOS Mojave. Dall’analisi è emersa la presenza di alcuni PCI ID non ancora associati a una GPU AMD attualmente in vendita, accompagnati da altri relativi alle Vega 20 e alle Vega 10. Secondo gli esperti, i codici rilevati potrebbero far riferimento a soluzioni AMD non ancora presentate al grande pubblico.

Al momento, non è noto se Apple stia pianificando il supporto delle nuove GPU per i suoi MacBook, considerato il recentissimo aggiornamento. Così come sottolinea AppleInsider, però, non si esclude possano essere destinate alla linea iMac, considerando come il desktop all-in-one spesso abbia fatto ricorso ad hardware grafico di classe laptop per assicurare le sue funzionalità.

Così come già accennato, all’inizio di novembre Apple ha aggiornato i suoi MacBook includendo le nuove opzioni Vega 16 e Vega 20, definite da AMD la “prossima generazione” di GPU per l’universo laptop. Il grande vantaggio sembra essere rappresentato da una memoria HBM2 ad altissima banda, più efficiente delle precedenti GDDR5, abbinata a un consumo notevolmente più ridotto di energia. I vantaggi della memoria si manifestano anche nel design: essendo inclusa direttamente nel chip, garantisce più spazio interno per l’inserimento di altro hardware.

Al momento, né Apple né AMD hanno confermato eventuali novità per i MacBook Pro oppure per la linea iMac, di conseguenza non resta che attendere un annuncio ufficiale. Annuncio che, come lecito attendersi, potrebbe ormai giungere dopo la tornata di acquisti natalizi.

Fonte: AppleInsider • Immagine: Unsplash