QR code per la pagina originale

Google Fit, sfide mensili per un 2019 in forma

L'applicazione Google Fit si arricchisce di nuove sfide studiate ad hoc per stimolare gli utenti a rimettersi in forma dopo le festività natalizie.

,

Come ogni anno, alla fine dell’anno (scusate il gioco di parole), dopo le festività natalizie tra cenoni di Natale e bagordi di Capodanno può capitare di sentirsi appesantiti o semplicemente si ha la voglia di riprendere le proprie attività fisiche. In questo caso la tecnologia dà una grasso mano, ad esempio, con l’applicazione Google Fit, che dal nuovo anno si arricchisce di nuove sfide studiate appositamente per stimolare gli utenti a rimettersi in forma.

Con l’ultimo aggiornamento dell’applicazione per il fitness e la salute targata Google, è da oggi possibile cimentarsi in vere e proprie sfide mensili. Queste sono tra l’altro state realizzate dal colosso di Mountain View in collaborazione con l’American Heart Association, e quindi hanno un certo peso anche dal punto di vista della credibilità in termini di benefici sulla salute.

Per poter attivare le sfide sarà necessario cliccare sopra la finestra che riporta la scritta “Sfide del nuovo anno”. Stando a quanto riferisce l’American Heart Association per cominciare a stare meglio l’obiettivo minimo è di raccogliere almeno 150 punti cuore a settimana.

I punti cuore si potranno ottenere svolgendo le attività fisiche più disparate, dalla corsa al ciclismo ma verranno conteggiati anche praticando delle semplici camminate all’aria aperta. Non solo: i ragazzi di Google Fit hanno inserito un ulteriore incentivo, ovvero i trofei (che si potranno ottenere ovviamente portando a compimento le varie sfide mensili proposte).

Per i possessori degli smartwatch (che quindi registrerà l’attività svolta al posto dello smartphone), tramite l’app per Wear OS Fit Workout sarà possibile accedere ad attività extra come sit-up o push-up o anche squat. Tutti esercizi che andranno ad aggiungere ulteriori punti cuore al totale.

Fonte: android police • Immagine: wikimedia