QR code per la pagina originale

Donald Trump sbaglia il nome di Cook: “Tim Apple”

Nel mentre di una conferenza, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump si rivolge al CEO di Apple, chiamandolo erroneamente Tim Apple.

,

Non è passata inosservata una gaffe presidenziale di Donald Trump, soprattutto sui social network, dove l’inciampo è già divenuto un meme virale. Il Presidente degli Stati Uniti, nel corso di una recente conferenza, si è infatti rivolto al CEO di Apple chiamandolo “Tim Apple”. Impassibile lo stesso Cook, il quale non ha voluto sottolineare l’errore del Presidente.

Il tutto è accaduto ieri, nel corso del meeting dell’American Workforce Policy Advisory Board, a cui hanno partecipato Donald Trump, la figlia Ivanka, Tim Cook e altri personaggi di spicco dell’industria a stelle e strisce. Nell’illustrare ai presenti i successi raggiunti dall’amministrazione a stelle e strisce, e i recenti sviluppi sugli accordi proprio con il gruppo di Cupertino, il Presidente ha voluto rivolgere un sentito ringraziamento a “Tim Apple”:

Ero solito dirti “Tim, devi cominciare a fare qualcosa qui”. E l’hai davvero fatto, con un grande investimento nella nostra nazione. Lo apprezziamo davvero tanto, Tim Apple.

Come già specificato, Tim Cook non ha battuto ciglio sentendo l’errore: è infatti rimasto impassibile, evitando di sottolineare lo sbaglio con sorrisi o espressioni sorprese. Nel frattempo, lo spezzone del discorso è stato ripreso da numerosi utenti sulla piattaforma Twitter, i quali ne hanno approfittato per creare numerosissimi meme virali. Le condivisioni sono rapidamente rimbalzate da una piattaforma e l’altra, soprattutto fra i detrattori dell’attuale amministrazione a stelle e strisce.

Così come riferisce The Verge, non è la prima volta che Donald Trump scivola sui nomi altrui. Qualche tempo fa, riferendosi a Marillyn Hewson, CEO di Lockheed Martin, il Presidente ha commesso lo stesso errore: Marillyn Lockheed. Appare quindi abbastanza evidente come Trump tenda a confondere i cognomi degli amministratori delegati con i marchi della loro azienda di provenienza, considerando come il medesimo intoppo si sia ripetuto in più di un’occasione.