QR code per la pagina originale

Apple registra sette nuovi MacBook

Apple registra ben sette nuovi MacBook all'Eurasian Economic Commission: in arrivo novità per tutte le linee, compresi MacBook Air e MacBook Pro.

,

Potrebbero giungere a breve novità per la linea dei MacBook di Apple. La società di Cupertino ha infatti registrato sette nuovi modelli presso l’Eurasian Economic Commission, ente da qualche tempo sempre più protagonista delle previsioni sui device targati mela morsicata. Al momento non sono note le caratteristiche dei device, anche se non si esclude si tratti per la maggior parte di semplici aggiornamenti hardware.

Così come già accennato, l’EEC è sempre più protagonista dell’universo delle previsioni Apple. L’ente si occupa di fornire le certificazioni per l’immissione di nuovi device sui mercati di Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Russia: poiché richiede una registrazione pubblica con largo anticipo rispetto all’effettiva presentazione di nuovi prodotti, negli ultimi mesi ha rappresentato un porto sicuro per tutte le indiscrezioni relative alle strategie targate mela morsicata.

I modelli in questione sono sette e riportano i seguenti codici: A2141, A2147, A2158, A2159, A2179, A2182 e A2251. Tutti i dispositivi sono stati registrati come “computer portatili” e, di conseguenza, è facile ipotizzare facciano parte delle linee MacBook, MacBook Air e MacBook Pro.

Non è dato sapere quando i device verranno presentati, ma è possibile un lancio in autunno, dopo il lancio dei nuovi iPhone. Il laptop al momento più sicuro appare il MacBook da 12 pollici, pronto a un miglioramento di prestazioni, sempre in una configurazione priva di ventole. Potrebbe quindi giungere uno speed-bump per il nuovo MacBook Air, così come nuovi processori per MacBook Pro e un’inedita configurazione da 16 pollici. Non sembra invece essere incluso quel tanto chiacchierato MacBook “low cost” ipotizzato dagli esperti lo scorso anno: per i propri laptop, Apple non sembra essere intenzionata a ripetere l’esperienza di successo già sperimentata con iPad 2017/2018 e iPhone SE. Non resta che attendere, a questo punto, eventuali conferme dalle parti di Cupertino.

Fonte: MacRumors • Immagine: Unsplash