QR code per la pagina originale

watchOS 6: al momento serve ancora iPhone

watchOS 6 renderà Apple Watch sempre più indipendente da iPhone, ma nelle prime beta del sistema operativo il pairing con lo smartphone è necessario.

,

Apple Watch potrà essere usato in futuro come dispositivo completamente standalone, ma al momento è ancora necessario il pairing con iPhone. È quanto rivela l’ultima beta di watchOS 6, rilasciata da Apple agli sviluppatori, nell’illustrare il processo d’upgrade del dispositivo. Alcune conferme devono infatti essere fornite sullo schermo dello smartphone, anche se il gruppo di Cupertino potrebbe rimuovere questa possibilità entro la release finale del sistema operativo, attesa per il mese di settembre.

Fino a oggi, Apple Watch ha sempre richiesto l’abbinamento con un iPhone preesistente per garantire il suo funzionamento, nonostante l’introduzione di una piena connettività LTE negli ultimi modelli offerti al pubblico. Così come promesso dal palco della WWDC 2019, l’orologio diventerà sempre più indipendente, ma gli sviluppatori non hanno ancora potuto mettere mano su uno smartwatch completamente autonomo.

Così come spiega MacRumors, è ad esempio possibile avviare una procedura d’upgrade del device in modalità Over-The-Air (OTA), ma le beta al momento disponibili per i developer richiedono comunque uno specifico intervento sullo schermo dello smartphone targato mela morsicata.

Come sottolineato da Jeremy Horwitz, così come riferito da MacRumors, l’utente deve infatti accettare la finestra di termini e condizioni sullo schermo dello smartphone abbinato, prima di procedere effettivamente al download OTA dell’upgrade di watchOS direttamente sul display dell’orologio intelligente. Pare, tuttavia, che questa necessità sia in via di rimozione, entro la versione finale di watchOS 6 in arrivo fra qualche mese.

Se Apple dovesse finalmente decidere di svincolare Apple Watch da iPhone, rendendolo un dispositivo completamente indipendente, potrebbe approfittare di un bacino d’utenza certamente più esteso. L’orologio intelligente targato mela morsicata, ad esempio, potrebbe rappresentare il device perfetto per un primo ingresso nell’ecosistema digitale del gruppo, tanto da convincere poi all’acquisto di altri prodotti del marchio. Non resta che attendere, di conseguenza, eventuali conferme dal gruppo californiano.

Fonte: MacRumors • Immagine: PxHere