QR code per la pagina originale

iPadOS arriva stasera: ecco come aggiornare

Apple dovrebbe rilasciare questa sera iPadOS, il nuovo sistema operativo per i tablet del gruppo: ecco le informazioni di base per l'aggiornamento.

,

Dopo il rilascio di iOS 13 pochi giorni fa, il nuovo sistema operativo di Apple destinato agli iPhone, è finalmente giunto il momento della linea iPad: verrà infatti rilasciato questa sera, all’incirca alle 19 del fuso italiano, il nuovo iPadOS. Si tratta di un aggiornamento che, pur condividendo gran parte delle funzioni proprio con iOS 13, permette di approfittare di opzioni specifiche per il tablet. Ma come è possibile sottoporre il proprio device all’upgrade?

Il primo passo per poter procedere all’aggiornamento è, come facile intuire, quello di vagliare la compatibilità del device in proprio possesso con iPadOS. Il nuovo sistema operativo di Apple può essere infatti installato su processori pari o superiori all’A8X: un dettaglio che suggerisce come siano compresi gli iPad Air 2, l’intera linea iPad Pro, gli iPad Mini di quarta e quinta generazione, il nuovo iPad Air e gli iPad classici dal 2017 in poi.

Verificata la compatibilità, è consigliabile procedere con un backup. Sebbene i casi di perdita di dati durante la procedura d’aggiornamento siano abbastanza remoti, la possibilità non può essere esclusa del tutto. Per farlo, si può semplicemente approfittare di iCloud con le opzioni di sincronizzazione già presenti in iOS 12 o, in alternativa, collegando il proprio iPad a un computer Mac o Windows ed effettuando il backup tramite iTunes.

L’aggiornamento sarà reso disponibile innanzitutto in modalità OTA, ovvero Over-The-Air: sarà sufficiente entrare nella sezione “Generali” di iOS, scegliere “Aggiornamento software” e avviare la procedura di upgrade. In alternativa, il tablet può essere aggiornato sempre tramite iTunes. Dalle 19, non appena la release verrà pubblicata sui server Apple, i proprietari di un iPad compatibile dovrebbero ricevere un’apposita notifica a schermo. Nelle prime ore, dato anche il rilascio contemporaneo di iOS 13.1, potrebbero verificarsi piccoli rallentamenti dato l’affollamento di richieste ai server della società di Cupertino.