QR code per la pagina originale

Apple: testato un iPhone da 6.7″ senza notch

Apple avrebbe testato un prototipo di iPhone da 6.7 pollici, completamente privo di top notch e con componenti TrueDepth integrati nelle cornici.

,

Apple potrebbe aver testato un prototipo di iPhone da 6.7 pollici, completamente privo di notch. È quanto rende noto Ben Geskin, noto designer nonché leaker appassionato dell’universo della mela morsicata, sebbene non giungano conferme dalle parti di Cupertino. Non si può escludere che il progetto sia stato posticipato, forse per problemi di natura tecnica.

Così come già noto, gli iPhone successivi a iPhone X incorporano un top notch. Quest’ultimo include le componenti TrueDepth – necessarie per il funzionamento di Face ID – e la capsula per l’altoparlante. Apple avrebbe tuttavia realizzato un prototipo da 6.7 pollici, totalmente privo di notch, con elementi e sensori inseriti all’interno della piccola cornice attorno allo schermo.

La logica alla base è la medesima che il gruppo di Cupertino ha scelto per i suoi iPad Pro, i quali includono fotocamere e sensori proprio all’interno della cornice attorno allo schermo, tuttavia l’implementazione sul tablet è risultata abbastanza semplice dato lo spazio più generoso. Il margine della cornice degli iPhone è invece molto ridotto e, sebbene Apple sia riuscita a installare comunque tutti gli elementi – compreso il sensore di luminosità ambientale e la fotocamera per i selfie – forse le performance risultavano inferiori rispetto a quanto sperato.

Anche la scelta di una diagonale da 6.7 pollici non sarebbe casuale, poiché si tratterebbe di una soluzione per ereditare le configurazioni dei già esistenti 6.5, senza dover però adottare una nuova risoluzione in pixel né una diversa densità di punti per pollice.

Sebbene i nuovi modelli degli smartphone di Cupertino – ovvero iPhone 11 e iPhone 11 Pro – vedano ancora un notch, secondo Ben Geskin dal 2020 questa soluzione potrebbe essere definitivamente abbandonata. Il nuovo smartphone dallo schermo completamente simmetrico potrebbe giungere quindi nel mese di settembre del prossimo anno, finalmente in una versione compatibili con le reti 5G ad altissima velocità.