Google e Dell insieme per i Chromebook Enterprise

Chromebook Dell Latitude 5300 2-in-1 Enterprise e Chromebook Latitude 5400 Enterprise sono i due nuovi notebook di Dell con a bordo Chrome OS
Chromebook Dell Latitude 5300 2-in-1 Enterprise e Chromebook Latitude 5400 Enterprise sono i due nuovi notebook di Dell con a bordo Chrome OS

Google ha scelto Dell per realizzare i primi Chromebook incentrati sul business. I notebook con Chrome OS sono molto popolari, negli Usa, nel settore dell’istruzione, ma non hanno esattamente preso d’assalto il resto del mondo. Le macchine Windows dominano tra le imprese e i MacBook Pro sono la scelta per i creativi e i professionisti della grafica. Google vuole cambiare tale panorama.

E vuole farlo con il Chromebook Dell Latitude 5300 2-in-1 Enterprise e il Chromebook Latitude 5400 Enterprise, i miglior biglietto da visita per approcciare il segmento dell’utenza business. Entrambe le macchine sono in vendita da ieri, 27 agosto, negli Stati Uniti, con prezzi che partono rispettivamente da 699 e 449 dollari. Il loro arrivo dovrebbe concretizzarsi anche in Europa anche se non è chiaro quando.

I due Chromebook sono versioni Chrome OS di macchine già viste con Windows 10. Ciò significa che a differenza di molti Chromebook attuali, escluso il Pixelbook, che sono fin troppo economici e leggeri dal punto di vista dell’hardware, qui abbiamo qualcosa di certamente più maturo per essere usato in contesti avanzati, per diverse ore al giorno.

Inoltre, i Chromebook rientrano nell’area di lavoro unificata di Dell, che fornisce un sistema di gestione per la distribuzione e il supporto di macchine in un’azienda indipendentemente dal sistema operativo in cui si trovano. Ciò vuol dire che una compagnia può utilizzare un mix di laptop Windows 10 e computer Chromebook Enterprise senza doversi preoccupare di quei problemi che notoriamente interessano con un ambiente multi-OS. Insomma, una semplificazione per i responsabili IT.

Dell è la prima attiva nel settore dei Chromebook Enterprise ma non di certo l’ultima: molti altri produttori di hardware seguiranno l’esempio, secondo Google. Ci aspettiamo, tra tutti, le mosse di Lenovo e HP, da qui alla fine dell’anno. Difficile che Google possa rompere la supremazia di Microsoft in ambito aziendale, ma almeno avremo delle alternative di rilievo al solito Windows 10.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti