QR code per la pagina originale

HTC Dream, tra un mese in America e nel 2009 in Europa

,

Ce l’ha fatta Google: fino a qualche anno fa era un motore di ricerca tra tanti, e adesso, dopo uno sviluppo notevole nel settore informatico, è riuscita a piazzare sul mercato un telefonino di ultima generazione con l’ausilio di HTC, che ha pensato all’hardware, e di T-Mobile, il gestore statunitense che lo distribuirà in America dal 24 Ottobre.

Il nome ufficiale del dispositivo è HTC Dream, ed è di Google il sistema operativo, Android, che a questo punto, dopo mesi di test, critiche e commenti riesce finalmente a fare il suo esordio su uno smartphone: basato sulla piattaforma Linux e sul linguaggio Java, Android offre l’interessante possibilità di far girare contemporaneamente più applicazioni.

Ma il vero punto di forza di Android è, per il momento, un altro: tutte le applicazioni aggiuntive per il sistema operativo saranno, almeno per un periodo, gratuite, in barba all’App Store di Apple, nel quale è necessario pagare per avere gli addons per iPhone.

Molto probabilmente l’HTC Dream non sarà un cellulare alla moda, ma la connettività 3G, il display touchscreen e il WiFi lo rendono comunque un dispositivo in grado di competere con i vari Blackberry, iPhone e Nokia; inoltre, il prezzo ultra-concorrenziale di 179 dollari potrebbe essere la mossa vincente di T-Mobile per rosicchiare via una buona fetta di mercato alla concorrenza.

Fra quanto vedremo nei negozi il telefonino di Google? Nel primo trimestre del 2009, quando il dispositivo sbarcherà nei mercati di tutta Europa.

Notizie su: