QR code per la pagina originale

Immersion, imparare le lingue con Google Chrome

Google lancia Immersion, un'estensione per il browser Chrome che si promette di facilitare l'apprendimento di lingue straniere grazie a Google Translate.

,

Quale miglior modo per imparare una lingua straniera se non immergersi in una città madrelingua? Non sempre è però possibile fare viaggi o trasferirsi all’estero, ed è per questo che Google ha lanciato una particolare estensione per il suo browser Chrome: Immersion.

Immersion è un tool simpatico per apprendere rapidamente le lingue. Tramite un comodo menu a tendina, permette di sostituire parte di un testo che si sta leggendo con la traduzione in uno dei tanti idiomi presenti in Google Translate. Così facendo, parte dello scritto rimarrà in lingua originale, mentre alcune porzioni saranno tradotte: l’utente memorizzerà così, in modo semplice, quale sia la correlazione tra parole di due linguaggi diversi. In caso di dubbi, inoltre, sarà possibile cliccare sul testo modificato per visualizzarne al volo la versione originale, oppure regolare il livello di difficoltà a seconda delle proprie capacità di comprensione pregresse.

Per elaborare questo curioso sistema, di cui è stato rilasciato anche un divertente video, Google ha collaborato con il team di Use All Five. Insieme, hanno creato uno strumento che sia in grado di utilizzare le API di Google Translate in modo creativo, svincolandole dalla traduzione tout court. E pare che la qualità della conversione in altre lingue sia stata addirittura incrementata, soprattutto in termini di concordanze di articoli, verbi e aggettivi.

Non sarà di certo un metodo ufficiale per diventare bilingue, e nemmeno può essere di particolare supporto alla pronuncia considerato come sia l’utente stesso a leggere, ma si tratta sicuramente di un metodo simpatico che stimola sia la memoria fotografica che il divertimento. Due elementi che, già di per sé, risultano ottimi per un apprendimento ultra-rapido.

La lista di lingue disponibili è molto lunga, fino a comprendere anche alcuni dialetti africani. Ma, per qualche ragione ancora sconosciuta, non sembra funzionare con il giapponese, forse per una momentanea mancata integrazione con il rendering degli ideogrammi. Per provare le proprie abilità linguistiche basta scaricare l’estensione da Chrome Web Store a questo indirizzo e, come Google stessa ha sottolineato, «Glücklich learning!».

Fonte: Google • Notizie su: