QR code per la pagina originale

YouTube abbandona l’interfaccia TV

Google interrompe il supporto all'interfaccia TV di YouTube per i browser web su smart TV, probabilmente perché ormai poco utilizzata dall'utenza.

,

Tra le tante possibilità offerte da Google per fruire della sua piattaforma di video streaming YouTube esiste anche l’interfaccia TV (accessibile al link youtube.com/tv), soluzione dedicata a chi accedere al sito dal browser della smart TV. Una funzione che però il colosso di Mountain View ha deciso di abbandonare.

Non è ancora chiaro il motivo per cui Google vuole mandare in pensione questa funzione, che permette anche a chi non dispone di una smart TV di usufruire in maniera più immediata e chiara di YouTube semplicemente collegando il PC al televisore e accedendo al link youtube.com/tv da qualsiasi browser web.

Questa versione di YouTube a breve non sarà più disponibile. Potrai comunque visualizzare youtube.com, ma con un dispositivo supportato avrai accesso a un’esperienza ottimizzata. Controlla nello store del tuo dispositivo se l’app YuoTube è disponibile per l’installazione oppure consulta l’elenco dei dispositivi supportati all’indirizzo yt.be/help/devices.

Google ha portato sul web questa funzione nel 2010 per portare lo streaming in salotto, quando le smart tv non erano diffuse come oggi. È molto probabile che Google stia chiudendo l’interfaccia TV per web semplicemente perché con le tante possibilità di utilizzo nate in questi anni, ormai sono pochissimi gli utenti che la utilizzano.

Nel frattempo, pochi giorni fa Google ha deciso di cambiare il modo in cui viene mostrato il numero degli iscritti ad un canale: a partire da settembre, la piattaforma video abbrevierà il conteggio, per esempio, nel caso in cui un account avesse 1.623.926 iscritti, gli utenti leggeranno semplicemente 1,62 milioni. Tale modifica è stata annunciata nel mese di maggio, ma soltanto di recente YouTube ha condiviso maggiori dettagli. “Oltre a creare maggiore coerenza tra versione desktop e mobile – fanno sapere da YouTube –, questa modifica serve per diminuire lo stress dei creatori di contenuti”.