QR code per la pagina originale

iPhone 11 Pro Max: effettuato il primo teardown

Emerge online il primo teardown di iPhone 11 Pro Max: la scheda logica ha forme rettangolari, mentre lo spessore delle batterie è maggiore.

,

È già disponibile online il primo teardown di iPhone 11 Pro Max, il nuovo smartphone high-end di Apple. Questa volta non è però iFixit ad aggiudicarsi il primato nell’apertura del device, bensì il canale YouTube Dchannell, basato in Vietnam. Sebbene i nuovi iPhone verranno consegnati agli utenti a partire dal 20 settembre, il gruppo asiatico è già riuscito a mettere la mani su un esemplare dell’edizione più costosa.

Sono molti gli elementi interessanti che emergono da questo teardown, a partire da una nuova configurazione della scheda logica. Il nuovo iPhone 11 Pro Max, infatti, non dispone di una motherboard a “L” così come per iPhone XS Max, bensì di una soluzione più classica e dalle forme rettangolari. Una scelta forse dovuta alle nuove componenti di cui iPhone 11 Pro Max è dotato, tra cui il chip U1. La scheda logica, tuttavia, risulta più piccola e meglio organizzata, un fatto che permette ad Apple di risparmiare spazio senza dover scegliere board dalle forme anomale.

Non è però tutto poiché, così come già accennato in un precedente aggiornamento, il device incorpora delle batterie più capienti. La versione high-end dello smartphone vede una batteria da ben 3.969 mAh, contro i 3.174 di iPhone XS Max. Una capienza dovuta allo spessore più generoso della stessa componente, che mantiene la classica forma a “L” vista già nelle precedenti generazioni di iPhone.

Oltre a questi dettagli, al momento dal teardown non sono emerse informazioni di grande sorta, anche perché pare si tratti di un’anteprima. In ogni caso, Apple sembra aver aumentato la quantità di adesivi e collanti attorno la scocca e per la tenuta dello schermo, forse per migliorare ulteriormente la resistenza dello smartphone ad acqua e polvere. Così come già accennato, i nuovi iPhone 11, iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max saranno consegnati agli utenti a partire dal 20 settembre, quando i device saranno disponibili anche nei negozi.