QR code per la pagina originale

Apple Arcade su macOS Catalina GM

Apple rilascia Apple Arcade sulla versione Golden Master di macOS Catalina, la versione pre-release del nuovo sistema operativo per Mac.

,

Apple Arcade, il servizio in abbonamento di Apple dedicato all’universo dei videogiochi, sbarca ufficialmente su macOS Catalina. Il nuovo sistema operativo per Mac non è ancora disponibile per il pubblico finale, ma negli scorsi giorni la società di Cupertino ha rilasciato la Golden Master agli sviluppatori, segno di una vicina release.

Così come già accennato, Apple ha rilasciato pochi giorni fa la versione Golden Master di macOS Catalina agli sviluppatori. Si tratta praticamente della versione finale del sistema operativo, quella che verrà consegnata agli utenti dopo qualche giorno di beta-testing. Contestualmente, lo scorso venerdì il gruppo californiano ha aperto le porte di Apple Arcade anche su Mac, così come avvenuto poche settimane fa per iOS 13, iPadOS e tvOS.

Apple Arcade è il servizio in abbonamento – proposto a 4.99 euro al mese – che permette di approfittare di un centinaio di giochi in esclusiva, multipiattaforma e dal gameplay unico e originale. Questi titoli, infatti, si allontanano dalla logica dell’acquisto in-app, per garantire all’utente un’esperienza d’uso full-feature sin dal primo scaricamento. Così come già accaduto per gli altri sistemi operativi targati mela morsicata, anche su macOS Catalina il servizio vede un’interfaccia estremamente immersiva, con screenshot, video e approfondimenti sui titoli inclusi nell’iniziativa. Agli utenti è quindi proposto un mese di prova gratuito, non vincolante, per provare tutte le novità di Apple Arcade.

Apple Arcade, il cui abbonamento permette l’accesso sino a sei profili diversi con la funzione Condivisione Famiglia, ha già ricevuto recensioni positive dalla critica e sta spianando la strada per un altra piattaforma in abbonamento del gruppo: quella dello streaming di Apple TV+, in arrivo dal primo di novembre in oltre 100 Paesi mondiali, inclusa anche l’Italia.