Qualcomm, Snapdragon 870 5G è ufficiale

Qualcomm presenta la sua nuova piattaforma mobile di fascia alta, basata sulla CPU Qualcomm Kryo 585 con clock fino a 3,2GHz.

Parliamo di

Qualcomm ha presentato ufficialmente il suo nuovo processore di fascia alta con capacità 5G. Il Qualcomm Snapdragon 870, infatti, propone il meglio delle caratteristiche dei modelli implementati negli smartphone top di gamma del 2020, come lo Snapdragon 888, con in più il supporto alle reti di nuova generazione.

L’azienda americana evidenzia come la piattaforma sia stata progettata sulla base del successo di Snapdragon 865 e 865 Plus, per soddisfare i requisiti OEM e del settore mobile, in particolare dispositivi top di gamma di clienti come Motorola, iQOO, OnePlus, Oppo e Xiaomi.

Snapdragon 870 5G: le specifiche

Lo Snapdragon 870 5G è basato su una versione aggiornata della CPU Qualcomm Kryo 585 con clock fino a 3,2GHz, e una GPU Qualcomm Adreno 650 ultrarapida, per prestazioni superiori rispetto alla generazione precedente, in particolare sul lato gaming.

In tal senso potrà contare sul Qualcomm Snapdragon Elite Gaming, una soluzione proprietaria grazie alla quale è possibile avere in game un rendering HDR, con profondità di colore a 10 bit e gamma di colori 2020, per un’esperienza di gioco ancora più immersiva.

Altri elementi chiave sono poi il motore proprietario di quinta generazione di intelligenza artificiale, che include il processore Qualcomm Hexagon 698 con acceleratore tensore esagonale, e il sottosistema FastConnect 6800, che offre esperienze audio Wi-Fi 6 e Bluetooth veloci, reattive e affidabili, con funzionalità avanzate che si traducono in applicazioni più coinvolgenti.

Completa il quadro il sistema Modem-RF Snapdragon X55 5G, che consente una connettività 5G con velocità di picco fino a 7,5 Gbps, e un’ampia accessibilità con supporto per mmWave, Sub-6 GHz, TDD, FDD e Dynamic Spectrum Sharing (DSS).
Ricordiamo, infine, che questo mese, Qualcomm ha anche annunciato lo Snapdragon 480 5G, un SoC progettato per portare la connettività 5G su dispositivi mobile entry-level.

Ti potrebbe interessare