QR code per la pagina originale

iPhone 11: iFixit scopre la carica bidirezionale?

Nel corso del suo teardown, iFixit trova in iPhone 11 e iPhone 11 Pro dei dettagli che potrebbero suggerire hardware per la carica wireless bidirezionale.

,

È ancora mistero sull’inclusione nei nuovi iPhone 11 e iPhone 11 Pro, i nuovi smartphone di Apple, di un hardware compatibile con la carica wireless bidirezionale. Qualche giorno fa, infatti, un’indiscrezione lanciata su Twitter ha lasciato intendere come i nuovi device di Cupertino vedano in dotazione delle componenti adatte a questo scopo, tuttavia l’azienda avrebbe deliberatamente deciso di disattivare la funzione via software. Lo scorso venerdì iFixit ha eseguito il teardown di iPhone 11 e, sebbene le evidenze non siano ancora conclusive, qualche piccola conferma dei piani di Apple potrebbe essere stata scovata.

I nuovi iPhone 11, iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max sono giunti nelle mani dei consumatori lo scorso venerdì e, come tradizione, iFixit ha immediatamente effettuato un teardown. La novità di questa tornata, però, è stata quella di uno smontaggio del device in diretta streaming, con un live lanciato sulla piattaforma YouTube.

Sebbene i nuovi iPhone vedano una progettazione molto simile alle precedenti generazioni, iFixit ha trovato un cambiamento che potrebbe indicare la compatibilità con un sistema di ricarica wireless bidirezionale. La batteria inclusa nei dispositivi, infatti, vede la presenza di ben due connettori: uno evidentemente necessario per fornire alimentazione alla scheda logica, l’altro dalle funzioni al momento non ancora del tutto chiare.

La prima ipotesi è che si tratti di un connettore di controllo, direttamente collegato al nuovo chip per il monitoraggio delle prestazioni della batteria e per la gestione intelligente dell’approvvigionamento energetico. La seconda, invece, potrebbe essere appunto connessa alla possibilità che iPhone sia in grado di poter fornire alimentazione wireless ad altri device – così come accade anche per alcuni degli ultimi esemplari della linea Samsung Galaxy – ad esempio come pad “on the go” per Apple Watch. Come già accennato, però, al momento la funzionalità non è stata attivata a livello software e non è dato sapere se Apple abbia intenzione di farlo in futuro.