Speciale Telegram

Telegram

Telegram: tutto quello che devi sapere

Telegram è un’applicazione di messaggistica istantanea basata sul cloud sviluppata per portare ad un livello superiore la protezione della privacy degli iscritti. Disponibile su iOS, Android, Windows Phone, Windows, Mac e Linux, il client di comunicazione è distribuito come software libero e offre agli iscritti un sistema di crittografia molto robusto sviluppato per offrire la massima garanzia di sicurezza. Niente pubblicità, grazie al cloud i messaggi possono essere sincronizzati all’interno di tutti i dispositivi da cui si accede al servizio di messaggistica. Oltre alle chat classiche, Telegram offre le chat segrete, i Gruppi, i Canali, le chiamate e persino una piattaforma per realizzare Bot.

Di

Telegram è un’applicazione di messaggistica istantanea nata per garantire la privacy dei suoi utenti. Proprio questa sua caratteristica ha permesso all’applicazione di guadagnare un largo seguito tanto che oggi Telegram è sicuramente una delle migliori alternative a WhatsApp. Le varie versioni del client di messaggistica sono distribuite come software libero. Telegram è disponibile per iOS, Android, Windows Phone, Windows, Mac e Linux. Inoltre, esiste pure una versione web based che permette di accedere ai servizi di messaggistica da un qualsiasi computer attraverso un semplice browser.

Oggi, Telegram è utilizzato per chattare tra uno o più utenti, effettuare chiamate vocali e per condividere praticamente qualsiasi cosa con un limite massimo di 1,5 GB. Inoltre, consente conversazioni tra due utenti protette con cifratura end-to-end per garantire l’assoluta privacy.

Telegram, la storia ()

L’applicazione nasce nel 2013 per merito di un team russo capitanato dai fratelli Nikolai e Pavel Durov che sono noti anche per aver fondato il social network russo VK. Particolare degno di nota che la società che fondarono dietro a Telegram era ed è ancora oggi senza fini di lucro.

Una scelta che assieme alla volontà di rendere il codice del client libero, ha fatto apprezzare Telegram da subito agli utenti. La crescita in termini di utenti è stata, infatti, molto rapida. Già dopo un anno dal suo debutto, l’applicazione poteva contare su circa 35 milioni di utenti attivi al mese. Nel 2015, invece, gli utenti attivi mensili erano saliti ad oltre 60 milioni. Nel 2018 Telegram ha raggiunto gli oltre 200 milioni di utenti attivi al mese.

Una crescita molto importante che viene ulteriormente enfatizzata dal fatto che la società non ha mai avuto bisogno di alcuna pubblicità. L’app si è diffusa per merito soprattutto del passaparola tra gli utenti.

Pavel supporta Telegram finanziariamente e ideologicamente, mentre il contributo di Nikolai è tecnologico. Per rendere Telegram possibile, Nikolai ha sviluppato un protocollo di dati unico e personalizzato, aperto, sicuro e ottimizzato per lavorare con più data-center. Di conseguenza Telegram combina sicurezza, affidabilità e velocità con qualsiasi tipo di rete.

Telegram, come funziona ()

Oltre che rilasciato come software libero, Telegram è anche 100% free. Questo significa che oltre ad essere disponibile gratuitamente, non sono presenti fastidiose pubblicità.

Baricentro dell’applicazione il cloud. Tutti i messaggi, dunque, sono sincronizzati all’interno del cloud di Telegram. Questa particolarità lo rende profondamente differente da WhatsApp. Grazie al cloud, gli utenti potranno avere accesso sempre ai loro messaggi indipendentemente dal dispositivo che stanno utilizzando.

La piattaforma non ha mai nascosto l’obiettivo di voler garantire la massima sicurezza a tutti gli iscritti. Sin dal momento della registrazione, infatti, l’app cura nei minimi dettagli la gestione degli utenti. La registrazione, infatti, non solo richiede l’inserimento del classico codice di sicurezza inviato via SMS ma chiede anche l’autorizzazione per fare in modo che altri utenti possano individuare l’iscritto cercando solamente il suo nickname scelto durante la registrazione preceduto da un @ senza conoscere il suo numero di telefono.

Telegram utilizza un sistema di crittografia AES simmetrica a 256-bit, crittografia RSA 2048 e uno scambio di chiavi di sicurezza Diffie-Hellman. Tutta questa accurata sicurezza, però, ha avuto anche una conseguenza “negativa” visto che molti criminali sfruttano Telegram per le loro attività illecite contando sul fato che non saranno intercettati.

Come accennato all’inizio, Telegram è multipiattaforma potendo essere utilizzato sia sui dispositivi mobile che sui computer. In tutti i casi, l’interfaccia è disponibile anche in lingua italiana e permette alle persone di avere sempre sotto mano tutte le funzionalità offerte con grande facilità.

Da evidenziare la versione web based dell’applicazione di messaggistica. Il suo utilizzo è assolutamente indipendente dallo smartphone. Per utilizzarla, basterà collegarsi all’applicazione web ed inserire il proprio numero di cellulare, quello a cui è collegato l’account. Gli utenti riceveranno poi un codice su Telegram da inserire come verifica per poter utilizzare il servizio attraverso il browser.

Telegram, le chat ()

Telegram permette innanzitutto di chattare con una o più persone. Le chat si dividono in “classiche” e in “chat segrete”. Quelle classiche sono salvate sul cloud di Telegram e sono protette utilizzando una potente cifratura. All’interno di queste conversazioni gli utenti possono condividere praticamente di tutto con un limite, però, di 1,5 GB. I messaggi inviati possono essere modificati entro 48 ore dall’invio.

Molto più interessanti le chat segrete che utilizzano una cifratura end-to-end. Questo significa che le conversazioni tra i due utenti non saranno salvate sui server cloud di Telegram. Trattasi di una soluzione che aumenta sensibilmente il livello di protezione degli iscritti. Di contro, queste conversazioni non potranno essere sincronizzate su altri dispositivi non essendo salvate sul cloud.

Le chat segrete sono utilizzabili, però, solamente sul client Telegram per dispositivi mobile e non sul client desktop o sulla versione web based.

Telegram, i Gruppi ()

L’applicazione di messaggistica si caratterizza anche per la presenza dei Gruppi. L’aspetto interessante è che i Gruppi di Telegram possono contenere sino a 200 mila utenti e possono quindi essere utilizzati per condividere cumulativamente informazioni, contenuti e tanto altro. I Gruppi possono essere dotati di più amministratori ognuno dei quali con permessi differenti per poter effettuare operazioni differenziate di moderazione. I nuovi membri di un Gruppo non possono vedere i messaggi precedenti alla loro iscrizione a meno che l’amministratore non abbia deciso altrimenti.

I Gruppi possono essere resi anche pubblici attribuendo loro un username in modo da poter essere individuati all’interno del motore di ricerca di Telegram. I non iscritti potranno, così, leggere tutti i messaggi ma non potranno rispondere. Anche nei Gruppi, i messaggi inviati possono essere modificati entro 48 ore dall’invio.

Telegram, i Canali ()

Come fa ben intuire il nome, i Canali sono una specie di Gruppi dove gli utenti di Telegram possono iscriversi per ricevere messaggi da parte degli amministratori senza, però, avere la possibilità di rispondere.

Sono molto utili soprattutto in ambito editoriale. Molte testate giornalistiche, infatti, utilizzano i Canali Telegram per condividere notizie rapide con i loro iscritti. Il Canale può essere sia pubblico che privato. In caso di Canale pubblico, sarà disponibile un username ed un link dedicato.

Telegram, i Bot ()

Telegram mette a disposizione degli sviluppatori una speciale piattaforma che permette di creare Bot, cioè degli account gestiti in maniera automatica del tutto o quasi. Per esempio, sarà possibile creare Bot che rispondano a semplici domande o che condividano specifici messaggi.

Telegram non dispone di alcun Bot ufficiale ma consente solamente ai suoi iscritti di poterli creare ed utilizzare.

Telegram, le chiamate ()

Limitatamente alle app per iOS ed Android, Telegram mette a disposizione anche la possibilità di effettuare chiamate chiamate vocali cifrate punto-punto. Le chiamate, ovviamente, risulteranno del tutto gratuite. Per effettuare una chiamata vocale, sarà necessario entrare all’interno di una conversazione, premere l’icona in alto a destra con tre pallini verticali e selezionare la voce “Chiama”.