QR code per la pagina originale

Telegram raggiunge i 200 milioni di utenti mensili

Telegram ha raggiunto i 200 milioni di utenti al mese e, per festeggiare l'evento, ha rilasciato nuove versioni per Android e iOS con diverse novità.

,

WhatsApp rimane saldamente al primo posto dei servizi di messaggistica più utilizzi al mondo, ma Telegram è un’alternativa molto valida che offre diverse funzionalità interessanti. L’azienda russa ha da poco festeggiato un traguardo importante, ovvero i 200 milioni di utenti attivi al mese. Per l’occasione è stata rilasciata una nuova versione per Android e iOS che semplifica l’uso degli sticker.

Pavel Durov, CEO di Telegram, spiega sul blog ufficiale che il servizio di messaggistica non è stato pubblicizzato tramite inserzioni online, quindi tutti gli utenti hanno ricevuto informazioni tramite il passaparola. Durov sottolinea inoltre che l’azienda non ha mai sottoscritto accordi con le agenzie governative, quindi nessun dato privato degli utenti è stato condiviso con terze parti. Questa affermazione è un chiaro riferimento agli eventi più recenti. Il governo russo ha infatti chiesto le chiavi crittografiche per consentire alla FSB (ex KGB) di accedere ai dati. Telegram ha perso l’appello alla Corte Suprema, ma continuerà la sua battaglia legale.

Telegram ha introdotto la crittografia end-to-end nel 2013 e successivamente ha pubblicato il codice sorgente per dimostrare che il servizio non nasconde backdoor. Nel corso degli anni sono state aggiunte numerose funzionalità assenti nelle app concorrenti, come la piattaforma che permette agli utenti di creare sticker personalizzati. Con le versioni 4.8.5 per Android e 4.8 per iOS è stata migliorata la funzione di ricerca degli adesivi, oltre ai suggerimenti per quelli più popolari.

È stata inoltre aggiunta l’opzione per inviare più foto in successione al destinatario. Su iOS è ora disponibile l’impostazione che permette di attivare automaticamente la modalità notte ad un certo orario e quando la luce ambientale è scarsa.

Fonte: Telegram • Via: Telegram • Immagine: Telegram