QR code per la pagina originale

Skype più veloce sui vecchi dispositivi

Microsoft rilascerà un aggiornamento di Skype che ottimizzerà la sua app di comunicazione anche sui vecchi smartphone Android.

,

Microsoft ha deciso di ottimizzare la sua applicazione Skype per poter funzionare perfettamente anche sui vecchi dispositivi Android o su quelli di fascia ultra bassa che eseguono il sistema operativo di Google dalla release 4.0.3 fino alla 5.1. L’obiettivo è quello di offrire un’esperienza d’uso migliore. La nuova app riduce, infatti, la quantità di RAM richiesta e lo spazio disco necessario, offrendo, contestualmente, una maggiore velocità ed una migliore qualità audio e video.

Inoltre, la nuova app garantirà migliori prestazioni anche in situazioni di connettività scarsa. Non si tratta di una versione Lite di Skype pensata per i vecchi dispositivi ma solamente di una versione ottimizzata dell’applicazione esistente. L’approccio assomiglia un po’ a quello che Google sta facendo con Android Go, una versione ridotta di Android che non richiede tanta potenza di elaborazione, RAM o spazio di archiviazione e che è eseguito su smartphone di fascia bassa pensati per i Paesi emergenti. L’approccio di Microsoft è dunque molto simile. Le statistiche di diffusione della piattaforma di Google di febbraio 2018 hanno mostrato che il 42% dei dispositivi Android su Google Play utilizzano ancora le versioni 4 o 5 del sistema operativo.

Microsoft non può ignorare questa fetta di mercato, soprattutto se punta a voler diffondere a 360 gradi la sua applicazione di comunicazione. I dati statistici di Android parlano molto chiaro e la casa di Redmond ha quindi deciso di offrire una versione ottimizzata per Skype per tutti questi utenti che utilizzano vecchi smartphone Android o che sfruttando terminali di fascia ultra bassa. Anche loro, dunque, presto potranno disporre di una soddisfacente esperienza d’uso di Skype.

L’attesa non sarà lunga in quanto Microsoft ha affermato che questo aggiornamento sarà disponibile già nel corso delle prossime settimane.

Fonte: Skype • Via: The Verge • Immagine: Skype