QR code per la pagina originale

Avast: la sicurezza online, oggi

Intervista a Ondřej Vlček, COO del gruppo Avast e grande conoscitore delle dinamiche e della visione di un settore nel quale opera ormai dal 1995.

,

Nel giorno del lancio della nuova versione dell’antivirus Avast, abbiamo voluto fare il punto sul mondo della sicurezza online con Ondřej Vlček, COO del team Avast. Nel gruppo fin dal 1995, Vlček è stato nel team di sviluppo prima, capo programmatore poi, quindi Direttore Tecnico e oggi Chief Operations Officer. La conoscenza tecnica e la visione sul progetto fa di Vlček un punto di osservazione privilegiato sul mercato degli antivirus e le sue parole consentono una esplorazione che va oltre i numeri statistici ed i sensazionalismi della cronaca del comparto.

Intervista a Ondřej Vlček, COO Avast

Dopo i molti casi eclatanti degli ultimi mesi relativi alla violazione di server e pc da parte di cracker e istituzioni, è cambiata la percezione della “sicurezza” nella cultura degli utenti del Web?

Sì, la percezione degli utenti Internet riguardo la sicurezza è cambiata. In un sondaggio con più di 100 intervistati in Italia, abbiamo scoperto che quasi due persone su cinque (39,13%) non hanno fiducia nel fatto che i loro dati sono ben protetto dai servizi online che utilizzano. La maggior parte degli intervistati ha dichiarato che la quantità di applicazioni che possono accedere al proprio telefono è stato il motivo della perdita di fiducia; un altro è la violazione dei dati: quasi un terzo indica questo come il motivo della loro perdita di fiducia.

Quali sono le funzioni che maggiormente vengono richieste ad Avast?

Avast è la società di sicurezza più affidabile al mondo e crediamo che i nostri 230 milioni di clienti si aspettano da noi di essere informati e protetti da questi problemi. Ad esempio, abbiamo sviluppato una nuova funzione nella nostra soluzione antivirus chiamato “password”. Password è un gestore di password che aiuta i nostri utenti, non solo per creare e memorizzare le password forti, ma include anche una componente “guardia del corpo digitale”. Questo componente informa i nostri utenti se uno dei loro conti on-line è stato colpito da una violazione dei dati. Abbiamo un team che ricerca, non solo le principali violazioni dei dati riportati nelle notizie, ma anche le violazioni più piccole che non sempre fanno notizia. Le password informa non solo i nostri utenti che i loro conti on-line sono stati colpiti, ma aiuta anche a creare nuove password sicure per questi account.

Avast Free Antivirus 2016
Scarica la nuova versione

Rispetto ad un decennio fa, l’utente è più o meno consapevole dei rischi che corre con le proprie attività informatiche? L’utenza è pronta a far propri i timori per i problemi di sicurezza del mondo mobile?

Ondřej Vlček, COO AvastIl paesaggio delle minacce dieci anni fa era molto diversa da come è ora e gli utenti sono meno consapevoli e non comprendere appieno i rischi connessi alle loro azioni in ambito tecnologico, soprattutto quando si tratta di mobile. Conserviamo molti più dati personali sui nostri smartphone di quanto abbiamo mai fatto durante i nostri PC. Ad esempio, dieci anni fa, la maggior parte delle persone non conservavano le loro foto sui PC, ma ora la maggior parte delle persone hanno foto personali di amici e familiari sui loro smartphone. Inoltre, i computer erano per lo più desktop. Con la diffusione dei laptop e tablet è aumentato il rischio di essere rubati fisicamente: se uno smartphone viene rubato, i dati personali vanno con esso.

Anche le reti Wi-Fi pubbliche sono una grande comodità, ma chiunque sia collegato alla stessa rete può spiare e catturare tutte le attività degli utizzatori, mettendo i dati personali a rischio. Gli utenti iOS sono maggiormente a rischio, perché i loro dispositivi si connettono automaticamente a hotspot Wi-Fi con lo stesso nome di quelli che avevano collegati in passato. Se ci si connette a Internet Wi-Fi a Starbucks o McDonalds, il vostro iPhone si collegherà automaticamente a Starbucks o McDonalds Wi-Fi ogni volta che è in campo, anche solo se il vostro iPhone è nella tasca posteriore. I cracker possono costituire un falso Wi-Fi Starbucks o McDonalds e rubare i dati personali di chi si collega o inviare e-mail che si caricano automaticamente ogni pochi minuti. Questi sono i nuovi rischi di cui le persone oggi non sempre sono consapevoli, ma Avast ha le soluzioni per gli utenti mobile per proteggersi facilmente.

Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni