QR code per la pagina originale

Primi dettagli sul prossimo processore Core i7

,

Nel corso dell’ultimo IDF (Intel Developer Forum), svoltosi a San Francisco nel mese di Agosto, Intel ha svelato maggiori dettagli sulla nuova microarchitettura Nehalem, nota con il nome commerciale Core i7.

Innanzitutto, occorre specificare che verso la fine dell’anno verranno proposti solo i modelli quad core di fascia Extreme (Bloomfield), basati su socket LGA 1366. I modelli quad e dual core di fascia Mainstream (Lynnfield e Havendale) saranno disponibili solo verso la metà del 2009 e adotteranno il socket LGA 1160.

Tra le novità già note ricordiamo: il nuovo bus QuickPath Interconnect che sostituirà il Front Side Bus; il controller di memoria DDR3 integrato nella CPU e non più nel northbridge; il ritorno della tecnologia HyperThreading (indicata con il nome Simultaneous Multi-Threading) che permetterà di eseguire fino a otto thread contemporaneamente.

Oltre a specificare che le versioni Extreme saranno dotate di 12 MB di cache L3 e avranno il moltiplicatore sbloccato (rimuovendo l’OverSpeed Protection), Intel ha fornito ulteriori informazioni su due nuove funzionalità implementate: Turbo Mode e Power Gates.

A differenza degli attuali processori che riducono la frequenza al valore minimo se viene superata una prefissata temperatura, i processori Core i7 diminuiranno la frequenza in modo graduale per evitare drastiche riduzioni di prestazioni.

Il Power Gates consentirà di spegnere completamente i core non utilizzati, mentre il Turbo Mode effettuerà un overclocking dei core attivi, superando il valore di frequenza nominale della CPU. Queste due tecnologie sono state specificamente progettate per migliorare le prestazioni durante l’uso di aplicazioni che non sfruttano tutti i core del processore.

Ad esempio, se un gioco utilizza solo un core, gli altri tre verranno spenti dal Power Gates e la temperatura di lavoro diminuirà. Il core attivo verrà quindi overcloccato dal Turbo Mode consentendo di ottenere (secondo Intel) performance superiori a quelle di un processore dual core nell’esecuzione di applicazioni single thread.