QR code per la pagina originale

Google Assistant sui prodotti Sonos solo nel 2019

Gli speaker Sonos supporteranno Google Assistant non prima del 2019, nonostante la società pensasse inizialmente a un'integrazione per fine 2018.

,

Sonos ha annunciato che Google Assistant non farà compagnia ad Alexa sui suoi speaker Sonos One e Beam prima del 2019. Gli altoparlanti intelligenti della società attualmente possono contare su Alexa di Amazon, ma il supporto per più assistenti vocali, tra cui quello di Google, è stato uno dei principali fattori che hanno incrementato le vendite di Sonos One al lancio nel 2017.

In un post sul blog, l’azienda ha così dichiarato:

Sebbene pensassimo di essere pronti per la fine del 2018, abbiamo bisogno di più tempo per offrire la giusta esperienza, garantita nel 2019. Intanto stiamo facendo buoni progressi.

Sonos ha dichiarato di essere al lavoro su una nuova piattaforma per consentire a Google Assistant di funzionare con i suoi prodotti. Ha infatti aggiunto:

Stiamo costruendo una profonda integrazione da zero e vogliamo che sia perfetta.

La società afferma che il supporto a Google Assistant è una delle funzionalità che i suoi clienti chiedono di più; Sonos era ancora fiduciosa di una release nel 2018 al lancio di Sonos Amp nel mese di agosto. L’azienda ha annunciato che una closed beta sarà disponibile “a poche migliaia di utenti nei prossimi mesi”. È possibile presentare la propria candidatura per entrare a farne parte a questo indirizzo, ma bisogna tenere presente che Sonos richiederà ai tester 14 ore di ascolto settimanali, l’utilizzo di 10 comandi vocali ogni giorno e la risposta ai sondaggi entro 72 ore.

L’obiettivo è chiaramente quello di raccogliere un numero cospicuo di feedback al fine di migliorare l’integrazione e assicurarsi che non ci siano intoppi al lancio, nel 2019. La beta sarà diffusa in un primo momento soltanto a qualche centinaio di utenti, per poi essere estesa nelle settimane successive.