QR code per la pagina originale

Microsoft Office, tema scuro su macOS Mojave

Microsoft ha aggiornato la sua suite Office 365; sui computer macOS Mojave arriva il tema scuro per le app Word, Excel, PowerPoint e Outlook.

,

Lo scorso ottobre, Microsoft aveva annunciato e distribuito all’interno delle sue app di Office su macOS Mojave il nuovo “dark mode” (tema scuro). Novità che, però, era disponibile solo per gli Insider. Come promesso, questa funzionalità è ora disponibile per gli utenti Office su Mac con un abbonamento ad Office 365. Questa novità, si evidenzia nuovamente, richiede la presenza del sistema operativo macOS Mojave. Il nuovo tema scuro, pensato per non affaticare gli occhi in precise condizioni di luminosità, è disponibile per le app Word, Excel, PowerPoint e Outlook.

Microsoft, comunque, non si è limitato ad implementare il tema scuro su Office per i computer Mac. Per esempio, PowerPoint è stato aggiornato per consentire agli utenti di inserire le foto scattate da un iPhone all’interno delle diapositive con l’integrazione della funzionalità “Continuity Camera” di Apple. Per quanto riguarda Outlook, invece, la casa di Redmond ha aggiunto nuove funzionalità per la condivisione del calendario, impedendo anche ai partecipanti di inoltrare le riunioni ad altri. Sempre dal Calendario sarà possibile vedere le persone che parteciperanno a una riunione. Inoltre, Excel e PowerPoint hanno ricevuto alcuni aggiornamenti che vanno a risolvere una serie di vulnerabilità.

Piccole novità anche per le versioni di Office per le altre piattaforme. Su Windows, per esempio, sono arrivati 4 nuovi temi per Access, il supporto alle liste multiple in Outlook e la possibilità di impostare un livello di zoom predefinito per la lettura delle email all’interno di Outlook.

Infine, Microsoft ha introdotto anche qualche novità su Office per iOS come la possibilità di eliminare i contatti direttamente da Outlook, la possibilità di includere un messaggio quando si elimina una riunione e la possibilità di creare una riunione direttamente da un’email.

Fonte: Office • Via: Neowin • Immagine: dennizn via Shuttrstock