Stazione Spaziale Internazionale, bagni fuori uso

Entrambi i bagni della Stazione Spaziale Internazionale non funzionano, come comunicato dallo stesso Luca Parmitano.

Immaginate di essere nello spazio e di non poter andare in bagno. Sembra un’assurdità, ma è proprio quello che hanno vissuto, in un certo senso, gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Entrambi i bagni infatti sono stati fuori uso per un periodo di tempo, a causa di una serie di problemi che si sono verificati a catena.

Il fatto è stato portato alla luce grazie a una conversazione tra la NASA e la Stazione Spaziale Internazionale, di cui attualmente il comandante è l’italiano Luca Parmitano. Ad informare l’Agenzia Spaziale americana del problema è stato proprio lui: bisogna sapere che i “bagni” sono di produzione russa.Il primo a guastarsi è stato quello nel modulo americano, poi successivamente l’altro nel modulo russo.

L’Agenzia russa, la Roscosmos, ha confermato che i bagni sono fuori uso tramite un comunicato: ad andare in avaria è stato il sistema di controllo automatizzato nella parte americana, quindi è andato in tilt il sistema di controllo sulle fognature e sui dispositivi sanitari. Nel modulo russo invece il sistema di allarme ha segnalato che il serbatoio è pieno.

Le toilette della ISS in realtà non sono dei veri e propri bagni come vengono comunemente intesi, ma una sorta di gabinetto separato da una tendina dedicato ai bisogni solidi, mentre l’urina viene raccolta e trattata, poi trasformata in acqua potabile. Proprio l’italiana Samantha Cristoforetti ha spiegato in passato il funzionamento del sistema in un video.

Parmitano ha quindi chiesto a Houston di usare temporaneamente i dispositivi di raccolta UCD, una specie di “pannoloni” spaziali per raccoglier le urine. In ogni caso dopo qualche ora gli astronauti hanno riparato il bagno del modulo USA.

Ti potrebbe interessare