QR code per la pagina originale

Gmail archivia notifiche, spam e mailing list

Google ha introdotto etichette intelligenti in Gmail che andranno ad individuare automaticamente le email poco rilevanti archiviandole in 3 categorie.

,

Google ha introdotto in Gmail nuovi filtri automatici chiamati Smart Labels che consentono di individuare i messaggi indesiderati, le notifiche di servizio ed i messaggi provenienti dalle mailing list a cui si è iscritti. Ora le email in arrivo vengono automaticamente classificate con tre specifiche etichette e l’account di ogni utente sarà dunque molto più ordinato, molto più accessibile e, quindi, molto più utile ai fini della consultazione ed archiviazione della posta elettronica.

Il nuovo strumento viene soprattutto in auto di coloro i quali non abbiano già organizzato la loro casella di posta catalogando i messaggi in arrivo con etichette proprie, ma ad ogni modo non va ad intaccare i filtri che sono già stati impostati e questi ultimi possono essere modificati in modo tale da aumentare o ridurre la loro influenza.

Le Smart Labels sono attivabili dalle etichette di Gmail ed intercettano tre tipi di categorie principali:

  • posta indesiderata: mail di massa, come ad esempio newsletter e offerte provenienti dalle aziende;
  • notifiche: messaggi inviati in modo automatico come gli aggiornamenti dai social network;
  • mailing list: messaggi da forum e altri gruppi a cui un utente è iscritto.

Si tratta pertanto di vere e proprie etichette intelligenti, dunque, che rendono Gmail un servizio ancora migliore, in quanto eliminano dalla inbox principale tutte quelle email di minore importanza che vanno a sovraccaricare la casella diluendo l’attenzione sulla posta più urgente e rilevante. Google comunque non ha sponsorizzato la novità come ha fatto anzitempo con la posta prioritaria, ma ha invece nascosto il tutto sotto la casella “Etichette”: questo perché il servizio ancora è perfettibile ed è necessario un periodo più o meno lungo di adattamento e sperimentazione per risolvere eventuali inconvenienti.

Fonte: Gmail blog • Notizie su: